Home Stampa Mainstream “Pamela? Una tossica”. Qualcuno pensa abbia ragione Lerner. E lo scrive su...

“Pamela? Una tossica”. Qualcuno pensa abbia ragione Lerner. E lo scrive su un muro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:54
CONDIVIDI

“Pamela tossica”, è la scritta apparsa su un muro di Macerata, poco distante dal luogo in cui è morta la diciottenne Pamela Mastropietro. Un’idea che aveva espresso anche Gad Lerner.

Pamela Mastropietro, scritta su un muro - Leggilo

In corso in questi giorni il processo di Corte d’Assise al Tribunale di Macerata a carico di Innocent Oseghale, il 30enne nigeriano accusato di omicidio e vilipendio di Pamela Mastropietro, la ragazza tossicodipendente fuggita da un centro di recupero prima di essere uccisa, fatta a pezzi e rinchiusa nelle valigie da Innocent, dopo essersi drogati. Il nigeriano sostiene la sua innocenza, mentre si assume le responsabilità per l’occultamento del cadavere. Secondo la sua versione, la ragazza ebbe un malore dopo aver assunto eroina nella sua mansarda in via Spalato a Macerata.

Ed è qui che una scritta ha alimentato le polemiche. “Pamela tossica“, si legge sul muro che costeggia la scuola elementare IV Novembre di Macerata, a pochi metri dal luogo in cui è stata ammazzata Pamela Mastropietro, come riportato da Fanpage. Un episodio denunciato dai familiari della ragazza, che in una pagina Facebook hanno scritto: “Qualcuno forse si sta innervosendo per quello che è venuto fuori durante il processo e per quello che ancora dovrà essere svelato. Al di là della scritta idiota, su cui ci auguriamo, da una parte, che vengano svolte le doverose indagini, dall’altra che intervenga il mondo politico, locale e non, in maniera trasversale, al fine di condannare l’imbecille gravità ad essa sottesa, noi andiamo avanti. Fino alla fine. Per Pamela, per l’Italia, per tutta la brava gente”.

La famiglia ha anche chiesto all’amministrazione comunale di intervenire per eliminare la scritta, come ha spiegato il legale e zio di Pamela, Marco Valerio Verni. Un pensiero non molto dissimile aveva espresso l’ex Premier Matteo Renzi quando, parlando dei brutali omicidi di Pamela e Desirée Mariottini aveva fatto riferimento alla tossicodipendenza delle due come causa della loro morte. Lo seguirono Gad Lerner Giampiero Mughini. Questa volta il pensiero ritorna per le vie della città. Una realtà innegabile, certo, che non può essere esclusa dall’analisi delle circostanze della morte di Pamela. Ma che, per quanto può essere concausa indiretta del suo decesso, non può giustificare gesti tanto diabolici.

 

Questa è una scritta apparsa nelle scorse ore, su un muro di una scuola elementare di Macerata, non distante dalla via…

Pubblicato da La voce di Pamela Mastropietro su Mercoledì 10 aprile 2019

La scritta contro la ragazza è stata cancellata da alcuni attivisti di CasaPound.

Ringraziamo i ragazzi di Casapound per aver cancellato la scritta offensiva nei confronti di #Pamela e di tutta la gente…

Pubblicato da La voce di Pamela Mastropietro su Giovedì 11 aprile 2019

Fonti: Fanpage, Facebook La voce di Pamela Mastropietro

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]