Home Casi Valentina Casa: cosa ha fatto per essere accusata di omicidio

Valentina Casa: cosa ha fatto per essere accusata di omicidio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:34
CONDIVIDI

Dunque lei, Valentina Casa, è finita in manette. La donna incapace di reagire davanti alle percosse bestiali con cui il compagno rendeva in fin di vita il figlio non era così incapace di reagire. Dopo che il disastro era ormai compiuto avrebbe avuto un ruolo di primo piano in quella giornata maledetta.

Valentina Casa arresto - Leggilo

E dire che durante le prime ore si era creduto che il pestaggio dei bambini fosse accaduto in assenza della madre. Era l’ipotesi più logica, del resto. Ma non c’è nulla di logico in questa storia: la furia di lui, Tony Essobti Badre, il convivente. La silenziosa follia di lei che osserva mentre un madre degna di questo nome si sarebbe trasformata in una belva solo a veder sfiorato il proprio bambino. Lei no. E dire che il destino gli ha dato quel cognome “Casa” che è proprio quello che lei ha negato ai suoi figli. Casa non solo come luogo fisico, ma anche rifugio, calma, riposo e amore. E invece no, la casa dove  Valentina cresceva i suoi figli era un inferno, con Tony incontrastato nel ruolo di demone. La stessa tragica ironia che toccò la piccola Fortuna Loffredo di Caivano, anche lei innocente vittima di un destino terribile. Lei aveva quel quel nome “fortuna”. Ma la buona sorte della bambina era solo lì, in quel nome.

La svolta sulla morte del piccolo Giuseppe è arrivata dopo più di due mesi di indagini coordinate dal procuratore di Napoli Nord, Francesco Greco: ipotesi accusatorie sostenute da esami scientifici, ma anche dalle testimonianze di vicini e insegnanti hanno consentito di ricostruire l’atmosfera violenta in cui i due bambini crescevano con la madre e il compagno di lei, Tony, di origini marocchine, arrestato subito dopo il delitto e in un primo momento indicato come l’unico artefice della mattanza. Ma la tesi durò un soffio. Già durante le esequie del piccolo la madre venne pesantemente apostrofata dalle persone del posto incredule rispetto alla tesi delle prime ore, secondo cui lei non  sarebbe stata in grado di evitare il disastro, come riportato da Il Corriere della Sera.

Ma questi due mesi hanno cambiato molte cose e, ora gli inquirenti avrebbero accertato come la domenica in cui avvenne l’omicidio Valentina non solo non chiese aiuto, ma cercò di curare le gravissime ferite del piccolo Giuseppe solo tamponandole con teli bagnati e, nel tentativo di nascondere le prove, gettò nella spazzatura le ciocche di capelli che Tony aveva strappato all’altra figlia. Anche al momento dell’intervento dei poliziotti, Valentina ha negato che il compagno avesse avuto comportamenti violenti nei confronti del figlio e della sorellina, sebbene l’evidenza racontasse una storia diversa.

Per la donna il pubblico ministero Paola Izzo ha ipotizzato il reato di concorso in omicidio aggravato dalla crudeltà e dall’abuso delle relazioni familiari. La giovane donna è stata arrestata a Massa Lubrense, come riportato dall’Ansa, dov’era ritornata dopo quella tragica domenica del 27 gennaio scorso.

Fonti: Ansa, Il Corriere della Sera

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]