Home Persone C’è traffico, chiedono aiuto: un bambino muore sotto gli occhi di tutti

C’è traffico, chiedono aiuto: un bambino muore sotto gli occhi di tutti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:02
CONDIVIDI

Un bimbo di appena 11 anni si trovava in auto, bloccata nel traffico, insieme a sua mamma e sua zia, quando ha accusato un malore. Inutili i soccorsi. 

Antonio Bertoni muore nel traffico - Leggilo

Era di pochi giorni fa la notizia della morte di Francesca Venditti, diciottenne morta fra le braccia della mamma, a Sezze. Una storia simile arriva da Latina, vicino Roma, dove un bimbo di 11 anni è morto, dopo essere stato colto da un malore improvviso mentre era in auto con la mamma e la zia.

Il bambino si chiamava Antonio Bertoni, ed aveva solo 11 anni. “Siamo usciti di casa verso le 8, c’era un muro di macchine –ha raccontato la madre al Messaggero  – dopo un quarto d’ora è iniziato tutto, Antonio ha avuto uno choc anafilattico. Intorno a noi c’era tanta gente, sono scesi dalle auto: tutti volevano aiutarci, ma è stato inutile, un incubo. Non immagino la mia vita senza mio figlio

La tragedia è avvenuta alle 8 di questa mattina circa, in Via Cristoforo Colombo, mentre i tre si trovavano nell’auto, immersa e bloccata nel traffico, creatosi per la preparazione del circuito di Formula E. L’auto, partita da Latina, viaggiava in direzione Roma: i tre erano diretti al Bambin Gesù per una visita medica, in quanto il bimbo aveva avuto già gravi problemi di salute in passato e nella notte avrebbe accusato un nuovo malore.

“Avevo già portato Antonio cinque volte al pronto soccorso del Bambin Gesù – racconta la mamma – non ero tranquilla, la notte respirava sempre male e volevo il parere di un altro medico”. Mamma e figlio stavano andando al San Camillo dove aveva appuntamento con l’allergologo. Ma non riuscirà ad arrivare in tempo, come riportato da Il Mattino.

Secondo le prime ricostruzioni,  all’improvviso la madre del piccolo è uscita dall’autovettura e ha cominciato a chiedere disperatamente aiuto. Una pattuglia della polizia locale, nelle vicinanze, ha provato ad aiutare le due donne e il piccolo Antonio, che uscito dall’auto, si era accasciato sulla banchina laterale.

Intanto erano stati allertati i sanitari del 118, che sono riusciti ad arrivare sul posto in sei minuti di orologio, nonostante la strada fosse totalmente imbottigliata nel traffico. Quando questi ultimi sono sopraggiunti sul posto, però, il piccolo era già in condizioni disperate. Si trovava riverso a terra, privo di sensi. I soccorritori hanno cercato di rianimarlo per quasi 30 minuti, praticando un lungo massaggio cardiaco con il defibrillatore. Nulla da fare. L’undicenne, per una aggravamento delle condizioni di salute, è morto sul posto.

Intanto la Procura di Roma ha aperto un fascicolo per il reato di omicidio colposo. Il procedimento è affidato al pm di turno, Elena Neri. Gli inquirenti hanno disposto l’autopsia sul corpo del piccolo.

La donna ha un altro figlio più grande: “Devo dirgli che il fratellino è morto e non so come fare, loro sono la cosa più bella che ho avuto dalla vita“.

Fonti: Il Messaggero, Il Mattino

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]