Home Cronaca L’ex marito sfonda la porta di casa per ucciderla. Muore Romina

L’ex marito sfonda la porta di casa per ucciderla. Muore Romina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:18
CONDIVIDI

Uomo sfonda la porta di casa a colpi di pistola, uccide l’ex moglie Romina Meloni e ferisce gravemente il nuovo compagno Gabriele Fois.

sfonda porta casa, la uccide a colpi di pistola - leggilo

Un’altra storia di femminicidio. Sono passati pochi giorni dalla morte di Fortuna, una donna di Napoli, picchiata e uccisa dal marito durante una lite. Senza parlare della tragedia di Milano, che aveva visto vittima Roberta Priore, 53 anni, morta soffocata dal compagno di 47 anni.

Questa volta la povera vittima è una donna di 49 anni, trucidata dall’ex marito perché geloso del nuovo compagno, come riportato dall’Ansa.

In un tranquillo pomeriggio di primavera, Ettore Sini, si è recato a casa della sua ex compagna, a Nuoro, l’ha uccisa ferocemente e ha ferito gravemente il compagno di lei. L’uomo si è introdotto di nascosto nel palazzo facendosi aprire da una bimba, ha suonato a casa di Romina e quando la donna ha aperto e richiuso la porta per proteggersi, perché ne aveva intuito le spregevoli intenzioni, ha perso ogni controllo. Dopo aver sfondato la porta di casa di Romina, il poliziotto ha esploso altri cinque colpi di pistola con la sua 7.65, legalmente detenuta. Romina, la sua ex moglie, è morta sul colpo mentre Fois, il compagno con cui viveva da pochissimi mesi nell’appartamento in via Napoli si è salvato ma versa in gravissime condizioni, come riportato da La Nuova Sardegna. I soccorsi sono stati avvertiti dai vicini della vittima, che sentendo le urla di Romina e i colpi di arma da fuoco, hanno chiamato le forze dell’ordine. Fois è stato soccorso all’Ospedale di San Francesco in rianimazione, dove è tuttora ricoverato in condizioni critiche.  Sini, un agente di polizia penitenziaria che ha agito usando la pistola d’ordinanza, si è dato alla fuga alla guida della sua auto, una fiat Panda.

La famiglia l’ha contattato più volte durante la fuga. L’uomo prima ha manifestato la voglia di suicidarsi ma alla fine si è lasciato catturare in via dei mille Sassari dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri. L’uomo era in stato confusionale con la pistola attaccata alla cintola. L’uomo è finito nel carcere nuorese di Badu ‘e Carros, la sua sede di lavoro, dove è già stato interrogato da Angelo Beccu, il Pm della Procura di Sassari.

Fonti: Ansa, La Nuova Sardegna

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]