Home Politica Opinioni Verona, Monica Cirinnà: “L’embrione? Solo un grumo di cellule, non c’è vita”

Verona, Monica Cirinnà: “L’embrione? Solo un grumo di cellule, non c’è vita”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:56
CONDIVIDI

Verona: è il giorno della contro-manifestazione per prendere le distanze dalle linee guida del Congresso delle Famiglie. A sfilare circa 20.000 persone, tra cui Laura Boldrini e Livia Turco. Anche la Cirinnà sostiene la marcia. 

Verona, oggi la protesta - Leggilo

Un Congresso che fa discutere, quello di Verona, partito ieri e che si protrarrà fino a domani. Ieri è stato il giorno dell’apertura ai lavori: le premesse non hanno certo spento le polemiche, tutt’altro. L’aborto come omicidio e l’omosessualità come crimine, questi i punti chiave della prima giornata che hanno spinto a parlare del summit come di un incontro omofobo e oscurantista che riporta indietro ad una concezione del mondo tipica da Medioevo. “Deviazioni di Sinistra”, ha ribadito il Vicepremier Matteo Salvini, che ha ricordato come l’obiettivo dell’incontro e di discutere sui problemi delle famiglie e sulla questione della denatalità. Il Ministro dell’Interno è atteso ad ore, mentre Luigi Di Maio sarà assente in quanto contrario all’iniziativa.

Oggi, però, è il giorno della contromanifestazione, come riportato dall’Ansa. Più di 20.000 persone sono attese tra le strade di Verona: una marcia preannunciata dall’associazione “Non una di meno” per esprimere dissenso nei confronti delle linee guida del summit, non condivise da femministe, da qualche ecclesiastico – Don Mazzi, ad esempio – e dalla Sinistra. Hanno aderito le famiglie arcobaleno, i Verdi, i radicali, l’arcigay: il corteo è partito alle 14.30 dalla stazione di Porta Nuova. Presenti Livia Turco, Laura Boldrini, Susanna Camusso. La città è blindata: rafforzate le misure di sicurezza, con 200 telecamere di videosorveglianza ai caselli di Verona Sud sull’A4 e Verona Nord, sull’A22 Autobrennero. Ma anche agenti, grate e blindati per contenere i manifestanti, come riportato da Il Corriere della Sera.

Siamo in tante e tante diverse. E’ qualcosa di molto grave e antistorico e bisogna esserci e combattere”, ha detto l’ex Ministro PD Livia Turco, la stessa che qualche giorno aveva difeso Ousseynou Sy, il senegalese diventato moto per aver dirottato il bus a San Donato Milanese. “Il gadget”, ha poi aggiunto riferendosi al feto di plastica consegnato ieri, “è la dimostrazione del fatto che si è dimenticato il valore fondamentale della nostra Costituzione che parla di persona mentre l’esaltazione della natura porta al suo esatto opposto, cioè alla mercificazione della persona. Abbiamo assistito a un esempio di mercificazione della persona che nega la stessa radice cattolica, è inaudito“. Anche Luana Zanella, dell’esecutivo nazionale dei verdi e Nando Bonessio, co-portavoce dei verdi del Lazio, sfilano in nome della libertà, per esprimere dissenso al Congresso “a torto promosso, sponsorizzato, patrocinato dal governo nazionale”. Fa eco l’ex Presidente della Camera Laura Boldrini che ha criticato il disegno di legge di Simone Pillon che prevede una mediazione tra donna-uomo, anche se quest’ultimo è violento. “E’ una cosa allucinante che va contro la Convenzione di Istanbul. L’on. Pillon è un mediatore, c’è un grandissimo conflitto di interesse”, ha detto la Boldrini.

Critiche sono piovute anche contro la proposta di riconoscere una personalità giuridica dell’embrione. A questa proposito si è espressa la Senatrice Monica Cirinnà, colei che sfilò contro Dio, Patria e famiglia. Il Congresso è pieno di discriminazioni, ci sarà violenza, aggressività, perché tutte le libertà che esistono sono messe a rischio dagli oscurantisti. L’embrione non è un mistero della fede, è un grumo di cellule. Si può interrompere lecitamente la gravidanza fino ai tre mesi“, ha detto la Cirinnà. Non ci sarebbe da stupirsene se la vedessimo sfilare a Verona. Visto lo stato delle cose, potrebbe spuntare anche Giulia Viola Pacilli. 

Fonti: Ansa, Il Corriere della Sera

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]