Home Spettacolo Marcuzzi, le scuse non bastano e lascia l’Italia: dirà addio a L’Isola?

Marcuzzi, le scuse non bastano e lascia l’Italia: dirà addio a L’Isola?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:16
CONDIVIDI

Tiene ancora banco il caso Fogli-Corona. Le polemiche non si placano e neanche le scuse della conduttrice Alessia Marcuzzi sono bastate a calmare le acque.

Caso Fogli, Marcuzzi si scusa

Non si placano le accuse verso Alessia Marcuzzi. La bionda conduttrice, al timone della conduzione de “L’Isola dei Famosi”, vede ogni giorno la sua barca affondare, sempre più, in un mare tempestoso. Buon vento non tira né in Honduras né in Italia, ed ogni parola sembra soltanto mettere altra carne a cuocere. Non sono bastate le scuse della Marcuzzi verso il frontman dei Pooh Riccardo Fogli. Sui social, la conduttrice continua ad essere ricoperta di offese di falsità e accuse di ogni tipo.

La scorsa puntata de L’Isola si è aperta direttamente con il collegamento con Riccardo Fogli, sempre più deperito e sempre più scioccato. Saranno forse gli strani pensieri su sua moglie Karin Trentini, pensata a letto con un uomo che non è lui, tale Giampaolo Celli.Una settimana fa un’onda un po’ più grande ci ha travolto, voglio chiedere scusa per aver oltrepassato il limite. Chiedo scusa a Riccardo Fogli più di tutti”, ha detto Alessia Marcuzzi ad inizio puntata. “Ti devo chiedere scusa, ho sottovalutato tante cose. Non sono riuscita a trasmetterti il mio abbraccio, sono rimasta fredda e spiazzata”.

Così, la Marcuzzi ha chiuso la faccenda e sono arrivate le scuse che in molti chiedevano a gran voce. Poi, la conduttrice ha preso un aereo per Londra per staccare la presa. Fuori dal reality, però, la polemica continua. Anche Mara Venier, ex opinionista del reality, ormai tornata su Rai1, ha commentato la faccenda parlando di una brutta pagina di televisione. “Mi dispiace per Alessia Marcuzzi. Mi domando però cosa ci faccia e perché, dopo tutto ciò, Riccardo Fogli sia ancora lì”, ha detto Zia Mara. Ma la permanenza della Marcuzzi pare vacillare sempre più, e stando ai rumors sarebbe la prossima a fare le valige, come ha fatto poco fa Gabriele Parpiglia, giornalista e autore del reality. Quest’ultimo, tra l’altro, è un caro amico di Fabrizio Corona. E gira che ti rigira sempre lui, prima o poi, tocca nominare.

Del resto, è stato lui a far scoppiare la bomba di un presunto tradimento della Trentini con l’imprenditore Giampaolo Celli, “non da uno, non da due, non da tre, ma da ben quattro anni”, come ha ricordato l’ex fotografo dei vip nel video messaggio mostrato a Riccardo Fogli. E se Fabrizio Corona non è il massimo dell’umanità, è anche vero che di bugie ne dice poche. Nessuno ha il coraggio di dire che ciò che esce dalla sua bocca sia infondato.

Tra l’altro, Corona ieri sera è stato ospite al nuovo programma di Barbara D’Urso, per scusarsi dei trascorsi avuti con lei in passato – lunghi e pieni di querele. Il paparazzo è tornato sulla questione: “Mi scuso per il modo con cui ho detto quello che ho detto, ma era il mio lavoro. Umanamente sì, ho sbagliato“, ha detto. La D’Urso ha preferito non continuare a lungo sulla faccenda. Chi si aspettava che tra i due ci fosse uno scontro tra titani, è rimasto a bocca asciutta. Tutto è filato liscio come l’olio. Chi di nuovo, per il secondo anno di seguito, è finito nel ciclone è proprio la Marcuzzi. Il canna-gate dello scorso anno aveva già inferto un grande colpo alla conduttrice, accusata di aver gestito malissimo la faccenda. Quest’anno, un altro colpo è arrivato per lei. Si dubita che potrà resistere ancora alla pioggia, incessante, che le cade addosso.

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]