Home Cronaca Femminicidio a Napoli. Fortuna, picchiata e uccisa dal marito dopo una lite

Femminicidio a Napoli. Fortuna, picchiata e uccisa dal marito dopo una lite

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:32
CONDIVIDI

A Napoli una donna è stata trovata morta nella sua abitazione. A chiamare i soccorsi è stato il marito, in casa al momento del decesso, che ha confessato. Fortuna picchiata e uccisa dopo una lite

Si chiariscono le circostanze della morte di Fortuna Belisario, la donna di 36 anni che è stata trovata morta ieri nella sua abitazione in corso Mianella, nel quartiere di edilizia popolare Miano, alla periferia Nord di Napoli. Il suo corpo riverso a terra è stato rinvenuto dai sanitari che, giunti sul posto, hanno provato inutilmente a rianimare la donna. Vani i tentativi di soccorso: Fortuna è morta poco dopo, come riportato dall’Ansa.

A dare l’allarme è stato il marito, Vincenzo Lopresto, 41 anni, che si trovava in casa al momento del decesso. Nella sua telefonata al 118, il marito della 36enne avrebbe fatto capire di aver picchiato violentemente la donna e che, dopo il litigio, la moglie non dava più cenni di vita. L’ipotesi di una lite con il marito quale causa della morte di Fortuna ha preso corpo tra gli inquirenti e la confessione di lui non ha lasciato più dubbi. Pare infatti che l’uomo, durante l’interrogatorio, abbia confessato di aver ucciso la moglie con un oggetto contundente, probabilmente una stampella ortopedica che lui usava per spostarsi, che ora è stata sequestrata per effettuare tutti i rilievi del caso. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario e sembra che il marito fosse abituato a picchiare la moglie. L’aggressione è avvenuta davanti agli occhi increduli della mamma di Fortuna, che ha accusato un malore, mentre i figli della coppia –  di 7, 10 e 11 anni – erano fuori casa con l’altra nonna e non hanno assistito all’assassinio della madre, come riportato da Il Corriere della Sera.

Quando la polizia ha prelevato la salma della donna, un’amica della 36enne avrebbe cominciato ad inveire contro i vicini della coppia: “Fate schifo, non l’avete fermato”, ha gridato, frase che fa ben intendere che, nella zona, tutti fossero a conoscenza delle liti tra i due e della violenza dell’uomo. Eppure, i vicini hanno negato. Anzi, Fortuna e Vincenzo vengono descritti come una coppia tranquilla ed il litigio di ieri – se c’ è stato – non ha provocato rumore.

Intanto, all’alba dell’8 marzo, un altro triste caso di femminicidio lascia senza parole. Pare che il marito fosse molto geloso della moglie.

Fonti: Ansa, Il Corriere della Sera

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]