Home News Mondo Non respira, per i medici è solo asma. Invece era un cancro

Non respira, per i medici è solo asma. Invece era un cancro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:33
CONDIVIDI

“E’ solo asma” ripetevano i medici. Dopo due anni la verità: cancro ai polmoni. Quando la sanità invece di salvarti, ti uccide.

Megan per i medici è asma, morta di cancro ai polmoni

Un altro caso di malasanità arriva da Kirkcaldy, in Scozia. La piccola Megan Clarkson, 2 anni, è morta per cancro ai polmoni. Ma per i medici “era solo asma“. Kelly Clarkson, la mamma della piccola, ricorda che“Megan ha iniziato a soffrire a sei mesi. I primi attacchi di tosse risalgono a novembre 2016”.

Da allora, sono sei gli specialisti che hanno visitato la piccola. Eppure, nessuno ha pensato di sottoporla ad una radiografia per approfondire la situazione. Kelly veniva tranquillizzata da tutti. I medici le ripetevano: “Stia tranquilla signora, la bambina soffre di asma”. Così, la piccola Megan veniva curata con la prescrizione di antibiotici e inalatori. Per ben sei volte, dopo essere stata ricoverata – a causa ti una tosse talmente forte che non riusciva neanche a farla mangiare – è stata rimandata a casa. Così, per ben 28 lunghi mesi.

Poi, negli ultimi tempi, prima di morire, la bimba è peggiorata. I sintomi si erano fatti più evidenti: lividi al petto e un dolore lancinante alle ascelle. Soltanto a dicembre, la piccola Megan è stata ricoverata al Royal Hospital for Children di Glasgow, dove la situazione è apparsa in tutta la sua gravità: cancro ai polmoni, un blastoma pleuropolmonare di tipo 3. Questa la diagnosi che non lascia speranze. I medici, quindi, decidono di intervenire d’urgenza, togliendole un polmone. Ma è già troppo tardi: Megan muore il 2 gennaio, dopo 3 settimane dal ricovero, come riportato dalla BBC.

Kelly è disperata per la tragica morte della figlia dovuta all’incompetenza di chi dovrebbe salvare vite umane. “Se avessero scoperto in tempo la malattia, mia figlia avrebbe avuto il 90% di possibilità di guarigione, ma per la loro incompetenza questa possibilità è scesa al 37%. Non è possibile morire così. Il sistema dev’essere cambiato”, si è sfogata la donna.

Parole forti quelle di Kelly Clarkson. La morte di una figlia non si può mai accettare, soprattutto se dovuta all’incompetenza. Sono ben sei i medici che hanno visitato la piccola Megan. Sei medici, sei teste, minimo sei lauree. Com’è possibile che nessuno sia stato in grado di svelare un tumore ai polmoni ad una neonata? La malasanità dev’essere combattuta. Nel 2019 non si può morire per l’ignoranza di qualcun’altro.

Chiara Scrimieri

Fonte: BBC

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]