Home News Mondo Sana Cheema, uccisa da padre zio e fratello. Ma nessuno li punisce

Sana Cheema, uccisa da padre zio e fratello. Ma nessuno li punisce

CONDIVIDI

Non ci sono le prove sufficienti per affermare che il padre, lo zio ed il fratello hanno ucciso Sana Cheema. Lo ha stabilito il giudice Amir Mukhtar Gondal, del tribunale di Gujrat, nel Punjab, in Pakistan. 

 

Allora chi ha ucciso Sana Cheema? L’Italo-pakistana è stata ritrovata senza vita lo scorso 18 aprile nel suo paese di origine nel distretto di Gujarat. Non era il Pakistan la sua nazione di residenza. Sana viveva da sola a Brescia mentre la sua famiglia aveva preferito trasferirsi in Germania. La 25enne era rimasta in Itala dove aveva una casa, un lavoro ed anche un fidanzato. Il Viaggio in Pakistan solo per riabbracciare la sua famiglia, almeno così si pensava. Le indagini sulla morte di Sana sono partite grazie agli amici della ragazza, che non hanno creduto all’arresto cardiaco come causa del decesso. La Procura di Brescia si è interessata al caso, che vedeva coinvolta una cittadina italiana, perchè Sana dal 2017 aveva completato le pratiche per la cittadinanza. Il sostituto procuratore Ambrogio Cassiani e l’Ambasciata italiana ad Islamabad hanno spinto per eseguire l’autopsia sulla vittima.  Un delitto familiare, queste le prime ipotesi. Il padre Ghulam Mustafa Cheema gli aveva combinato un matrimonio con un altro ragazzo pakistano. Il rifiuto di Sana avrebbe fatto scaturire il delitto. A rafforzare questa ipotesi l’autopsia sulla vittima avvenuta il 10 maggio 2018. Nel referto si parla di morte avvenuta a causa della rottura dell’osso del collo. In seguito alla relazione del medico legale i familiari hanno prima ammesso l’omicidio, perchè a loro dire la ragazza aveva “disonorato” la loro famiglia. Le ho messo le mani al collo, lei aveva rinnegato la sua famiglia e le sue tradizioni” avrebbe detto il padre agli inquirenti.  Poi ha ritirare la  sua confessione, spingendo sull’attacco cardiaco.  Oggi il Tribunale di Gujrat ha archiviato le accuse contro di loro per mancanza di prove.

“Scriverò al mio collega, il ministro dell’Interno pakistano, per esprimere il rammarico del popolo italiano” ha detto il Ministro dell’Interno Matteo Salvini,

La domanda resta, chi ha ucciso Sana Cheema? Oggi la giustizia non sa rispondere.

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org
Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore