Home Persone Lorenzo Farinelli è morto. Chiese aiuto fino all’ultimo: “Voglio vivere, aiutatemi”

Lorenzo Farinelli è morto. Chiese aiuto fino all’ultimo: “Voglio vivere, aiutatemi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:31
CONDIVIDI

Lorenzo Farinelli è morto. Aveva raccolto 500 mila euro con un appello sui social per tentare una cura sperimentale negli  Stati Uniti. “Se non c’è la farò i soldi andranno alla ricerca scientifica”

Lorenzo Farinelli, l'ultimo appello - Leggilo

Aveva commosso il web, una settimana fa, con il suo appello:” Voglio vivere” -aveva detto in un video, purtroppo Lorenzo Farinelli è morto, non ce l’ha fatta, ha perso la sua battaglia nella serata (ieri per chi legge ndr).

Il Lorenzo Farinelli, medico, 34 anni di Ancona, Lollo per gli amici, affetto da un linfoma non-Hodgkin a grandi cellule di tipo B, aveva fatto un accorato appello sui social per raccogliere fondi.  Voleva tentare l’ultima chance negli Stati Uniti, dove una terapia in via sperimentale prometteva buone possibilità di successo, come riportato da Il Corriere della Sera.

Il suo video era in poche ore diventato virale, tanto che nei giorni successivi aveva ricevuto donazioni per un ammontare intorno ai 500mila euro. Per lui si erano mobilitati anche personaggi dello spettacolo come Christian De sica e Lucia Mascino, dello sport  – la schermitrice Elisa Di Francisca – e della medicina:l’immunologo Guido Silvestri e il Dr Roberto Burioni.

Lorenzo Farinelli è morto - Lrggilo
Lorenzo Farinelli con un’amica

Con l’hashtag #salviamolo in solo quattro giorni le donazioni erano fioccate e la speranza si era riaccesa, tanto che ieri mattina Lollo era stato dimesso, ed era tornato a casa. Si stava preparando a partire per gli Stati Uniti. La fortuna, finalmemte, sembrava aver girato. Il crowdfunding a suo favore si era reso necessario a causa della resistenza alla chemioterapia del linfoma che lo aveva  colpito. Da principio tutto sembrava procedere bene, purtroppo sono sopravvenute delle complicazioni e la sua debole fibra non ha retto. 

Nel suo disperato appello aveva raccontato come in poco tempo la malattia lo avesse debilitato:”Pian pianino ho cominciato a perdere l’autonomia, l’uso delle gambe parzialmente, la capacità di andare in bagno da solo”. Lorenzo era attaccato alla vita: “Non voglio morire, voglio vivere, ho fatto delle promesse e voglio mantenerle” ha detto, ma sapeva bene, da medico qual era, che la battaglia sarebbe stata dura:” Se non ce la farò, i soldi raccolti andranno alla ricerca scientifica aveva promesso.

La notizia che Lorenzo Farinelli è morto ha preso tutti alla sprovvista. Sulla sua pagina Facebook è apparsa la scritta in sua memoria di Lorenzo Farinelli ed un corsivo che recita:”Speriamo che le persone che amano Lorenzo troveranno conforto nel visitare il suo profilo per ricordare lui e la sua vita.” ed i messaggi di cordoglio di amici o semplicemente delle persone che erano rimaste colpite dalla sua storia si moltiplicano.

Gabriella scrive:” Voglio immaginare te leggere i nostri commenti e pensare che possa continuare ad esser qui, con le tue parole, con la tua musica, con la dolcezza che traspare in ogni tua immagine, con gli occhi della vita che parlano della tua profondità d’animo. Tu, qui, insieme a noi che, come per incanto, hai fatto rivivere la bellezza che è in te in tutti noi, e senza averti mai conosciuto. Tu continui a vivere Lorenzo. Ciao.”

Lorenzo Farinelli - Leggilo

E ancora, Francesca scrive: “Ciao Lorenzo. Mi hai colta di sorpresa, avevo in mano la carta di credito per augurarti di cuore di continuare il tuo viaggio nella vita terrena. Invece, la tua missione qui è terminata, tutta la forza, tutto il tuo amore per la vita e il tuo immenso coraggio li hai lasciati come esempio ad imperitura memoria. Vola alto Lorenzo, ci rivedremo“. Di un altro tono il messaggio di Marco: “In una Italia dove si sprecano miliardi di euro, un ragazzo eccezionale ha dovuto invocare il meraviglioso popolo italiano per curarsi. E’ una vergogna. Ciao Lorenzo“.  Anna Maria invece scrive: “Caro Lorenzo ho sperato tanto che fossi tu a vincere la guerra mi ci sono aggrappata con il mio cuore di “mamma” dovevi farcela…te lo doveva la vita stessa per il bravo e simpatico ragazzo che sei sempre stato….ti ho conosciuto che eri un bambino vivace ed intelligente ti devo lasciare ora che sei diventato un uomo ….è difficile farlo ma spero che da dove sei ora, tu stia bene. Ciao Dottore.❤️”. Chi mette una candela, chi solo un cuore o un semplice R.I.P. tutti vogliono partecipare al dolore della famiglia e gli amici di questo giovane uomo che ci ha lasciato troppo presto e che ha toccato il cuore di tutti.

Anche l’ex ministra Maria Elena Boschi ne ha dato notizia con un post su Facebook:”Lorenzo Farinelli ci ha lasciato. Purtroppo non è riuscito a sconfiggere la malattia, ma ci ha insegnato il coraggio di osare la speranza.”

Lorenzo Farinelli ci ha lasciato. Purtroppo non è riuscito a sconfiggere la malattia, ma ci ha insegnato il coraggio di osare la speranza.

Pubblicato da Maria Elena Boschi su Lunedì 11 febbraio 2019

Nel suo video Lorenzo Farinelli aveva detto: “Non è finita, fino a che non finità!“. Non si voleva arrendere. D certo la sua è stata una lotta eroica contro un male che da subito si era palesato in tutta la sua drammaticità. Le chemio non funzionavano ma non si era perso d’animo: aveva trovato una cura nuova, una luce flebile di speranza e a quella speranza si era attaccato. Lui insieme ai suoi familiari. Ieri quella speranza, purtroppo, si è spenta.

La redazione di Leggilo.org si unisce al cordoglio della famiglia, ciao Lollo.

Alessandro Signorini

Fonti: Il Corriere della Sera, Facebook Lorenzo Farinelli, Facebook Maria Elena Boschi

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]