Beatrice, 10 anni, muore nel sonno

0
2

Si sono svolti oggi pomeriggio alle 17.00 i funerali di Beatrice Casteli, 10 anni. La bimba è morta lentamente Venerdì mattina, a causa delle esalazioni di monossido di carbonio, mentre dormiva al piano di sopra della sua abitazione. Per fortuna, almeno, non si è neanche accorta di quello che le stava capitando, come riportato da Cronache Ancona.

Beatrice Casteli Anovich muore nel sonno

Gli inquirenti hanno messo sotto sequestro la stufa a legna al pianterreno utilizzata anche per riscaldare gli ambienti del piano superiore, tra cui la camera dove dormiva Beatrice con il fratello. Le indagini seguono la pista di un incidente: si pensa non tanto a un malfunzionamento dell’impianto, quanto ad un’improvvisa perdita delle tubature incastonate nella parete muraria. La casa è rimasta a disposizione della famiglia che dopo un breve soggiorno da alcuni amici tornerà a risiedere nella loro abitazione. L’autopsia effettuata ieri sul corpo della bimba all’ospedale regionale di Torrette ha evidenziato come a provocare la morte sia stata proprio un’intossicazione da monossido, come riportato da Nuova Periferia.

La madre si è accorta intorno alle 7 del mattino della tragedia. Ha provato a rianimare la piccola ma Beatrice era già morta. Per lei nulla da fare. Il fratello minore Victor, invece, di 7 anni, ha per fortuna risposto alle sollecitazioni della madre. Il bimbo è stato poi salvato in extremis dai medici dopo una lunga seduta di ossigenoterapia alla camera iperbarica di Fano.

Oggi, la comunità del paesino si è riunita a Fabriano, al civico 1c di Via Nenni nella casa del commiato Infinitum dell’impresa di pompe funebri Bondoni, per l’ultimo saluto a Beatrice, svolto con rito evangelico. Poi, la tumulazione nel cimitero di Sassoferrato, il piccolo paesino in provincia di Ancona dove abitava. La comunità della chiesa cristiana evangelica si è mobilitata da due giorni, dalle prime ore della tragedia, per aiutare la coppia brasiliana, la mamma Rosimeire Anovich, il papa William Casteli e l’altro figlio di 7 anni. “Stiamo cercando di proteggerli, con la preghiera e la vicinanza. È così che l’amore di Dio si dimostra”, ha spiegato il Pastore Livio Vitiello alla guida della comunità.

Chiara Feleppa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui