Home Spettacolo e Gossip “Mai avuto problemi con i migranti. Fino a qualche tempo fa”

“Mai avuto problemi con i migranti. Fino a qualche tempo fa”

CONDIVIDI

L’ex annunciatrice di Rete 4, Emanuela Folliero, non riesce più a camminare da sola in giro per Milano, dopo alcuni spiacevoli episodi.

Emanuela Folliero soffre ancora per la morte del padre, come ha confidato a Silvia Toffanin, ma ci sono alcuni oggetti che gli fanno sentire ancora la sua presenza, come un vecchio orologio che segnava la data delle sue nozze: «Non lo mettevo da dieci anni e la data era proprio quella. In questi momenti ti viene in mente che ci siano dei segnali che se tu sai vedere e cogliere arrivano dalle persone care che non ci sono più. Sono cose che non devono intristire, ma fare sorridere». La mora conduttrice di Rete 4 vive un momento di grande paura e ha sempre più timore a girare da sola nella sua quotidianità a Milano. A metterle ansia sono soprattutto i tanti, troppi extracomunitari che affollano il capoluogo lombardo. Le sue ultime dichiarazioni sottolineano proprio la situazione di scarsa sicurezza in cui si trova la città, ma anche l’Italia intera.

 

 

«Non mi sento sicura a Milano, ci sono troppi immigrati: quando cammino da sola ricevo insulti osceni». Una vera e propria denuncia quella della Folliero che, come fulgido esempio di bellezza nostrana, non passa inosservata agli occhi dei vogliosi uomini che affollano le vie milanesi, spesso animati da cattive intenzioni. C’è chi ha addirittura molestato la bella presentatrice televisiva con proposte dirette e a dir poco oscene: «”Bella bocca, pompino gratis?”, non mi vesto appariscente, ma l’altra sera questo mi ha detto un extracomunitario tornando a casa. In altri momenti avrei detto qualcosa, invece sono scappata a casa da mio marito». 

Emanuela Folliero: “Ci sono troppi ubriachi ed immigrati a Milano”

La Folliero ha espresso il pensiero di molti altri cittadini, preoccupati per la propria incolumità. Il volto di Rete 4 pensa che ci sia bisogno di una rapida soluzione: «Non abito lontano dalla Stazione Centrale di Milano, prima scendevo a portare il cane a fare i bisogni di solito sto attenta, ma l’altro giorno sono stata presa alla sprovvista e mi è sbucato da dietro un ubriaco. Non voglio fare di tutta l’erba un fascio, non sono tutti così, ma se un bicchiere può contenere solo due dita d’acqua e tu ne versi un litro, l’acqua esonda. La mia proposta è di aumentare i controlli. Almeno vicino alla stazione». Intanto Emanuela Folliero si consola con la protezione del padre scomparso, che continua a manifestarli i segni della sua presenza accanto a lei, come ha raccontato in un’intervista a Silvia Toffanin.

Alessandra Curcio