Home Persone Viviana muore improvvisamente accanto al compagno

Viviana muore improvvisamente accanto al compagno

CONDIVIDI

Due respiri e poi la morte. Viviana è morta così, all’improvviso, lasciando i suoi cari in preda allo sconforto totale. 

Una comunità intera piange la scomparsa di Viviana Tosato, 43 anni, morta la scorsa notte nella propria abitazione di Cavino nel Padovano. Il suo cuore ha smesso di battere improvvisamente, alle tre di notte. Ancora ignote le cause del suo decesso. Accanto a lei il compagno ha sentito due respiri profondi e poi il nulla.

Viviana Tosato muore misteriosamente a 43 anni

All’arrivo dei sanitari non c’era già più nulla da fare. Sorpresa e sgomento in paese: Viviana stava bene e non ha mai dato alcun segno di sofferenza. La famiglia ha richiesto immediatamente l’autopsia per conoscere le ragioni della morte della donna, conosciutissima in paese per essere la coproprietaria dell’Ortofrutticola Tosato Genesio e Viviana di Arsego. Proprio all’ora della tragedia, il fratello si stava recando al mercato per fare il carico di merce. L’ipotesi più accreditata è quella di infarto.

Mauro, compagno di Viviana, è straziato dal dolore: “Non c’è stato niente da fare”

Mauro Carlotto, il compagno, dormiva accanto a lei quando si è reso conto di ciò che stava accadendo: «Viviana non ha dato nessun segnale, non ha chiesto aiuto né si è lamentata, ho solo sentito una specie di sospiro, ma è stato un attimo e poi non ha più respirato». Mauro ha chiamato subito il 118: «È arrivata un’ambulanza, i sanitari hanno provato a lungo a rianimarla. Tante e tante volte. Purtroppo non c’è stato niente da fare». Le lacrime scendono copiose mentre racconta l’inspiegabile vicenda. Anche i fratelli di Viviana non riescono a capacitarsi di questa ingiusta morte: «Viviana non soffriva di nulla, era attiva e amava il suo lavoro, si curava e faceva attività sportiva. Una bella persona, sempre disposta ad aiutare gli altri a discapito di sé, attaccatissima ai 5 nipoti. Stava bene a livello fisico e sentimentale dopo aver passato degli anni bui. Si era tanto impegnata nel seguire i nostri genitori e la nonna, mancati uno dopo l’altro. La mamma è morta nel 2008, la nonna nel 2011 e papà l’anno scorso. E lei li ha accuditi tutti e con tanto impegno. La morte di Viviana è un altro brutto colpo, come si fa ad accettare una fine così?». Ad Arsego Viviana era molto attiva nel mondo del commercio: stava organizzando i mercatini di Natale, previsti da domenica 25 novembre.

Alessandra Curcio