Home Cronaca Roma, il viceprefetto muore in strada davanti alla moglie

Roma, il viceprefetto muore in strada davanti alla moglie

CONDIVIDI
«Ho sentito le urla disperate di una donna e mi sono precipitata in strada. Davanti a me c’era una scena terribile. Penso che quell’uomo sia stato trascinato o sbalzato per qualche metro. La moglie non smetteva di urlare, di chiedere aiuto». A parlare è la titolare di un negozio che si trova nel tratto di via Cavour in cui un uomo di 54 anni è stato travolto e ucciso da un bus turistico ieri mattina a Roma, intorno alle 11, all’altezza del civico 221. «Pare che attraversasse sulle strisce e fosse quasi al centro della carreggiata quando è stato travolto – racconta la donna – sulle strisce c’è ancora un ombrello e altri oggetti probabilmente suoi. Il suo corpo invece è finito tra due auto in sosta. Non so come sia stato possibile. Come mai non è stato visto».
L’uomo era il viceprefetto Giorgio De Francesco, di 54 anni: è stato trascinato per una ventina di metri dalla parte opposta di via Cavour, contro le auto parcheggiate. E lì è morto, non lontano dalla sua abitazione, con la moglie finita a terra sulle strisce pedonali. Lei, solo sfiorata, è rimasta illesa. Inutili i soccorsi al funzionario. La moglie è stata accompagnata in ospedale. È sotto choc. Come l’autista del pullman, italiano, 58 anni, originario di Monterosi, che è stato ricoverato al San Giovanni per accertamenti e poi dimesso. Negativo all’alcoltest e al drugtest, potrebbe essere stato colto da malore mentre si trovava al volante. Quello di ieri appare un incidente assurdo che riapre le polemiche sulla presenza in centro ogni giorno di migliaia di torpedoni carichi di turisti. «Corrono come matti», spiega una commerciante.
Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha espresso le sue condoglianze per la morte del viceprefetto con un telegramma inviato alla famiglia:  “Con grande commozione ho appreso la notizia del tragico incidente stradale a seguito del quale ha perso la vita il viceprefetto Giorgio De Francesco. Desidero far pervenire alla famiglia i miei sentimenti di profondo cordoglio e commossa partecipazione al dolore per la scomparsa di un importante funzionario della carriera prefettizia