Home Cronaca Sara Francesca, minuti preziosi persi prima di salvarla

Sara Francesca, minuti preziosi persi prima di salvarla

CONDIVIDI

Era una ballerina modello la piccola Sara Francesca Basso  la tredicenne ‘risucchiata’ da un bocchettone di scarico di una piscina a Sperlonga. La madre Maria Grazia Caliciotti nello stato di Facebook scrive: “Sono una madre innamorata delle sue bambine“. Sara Francesca ha infatti una sorellina di pochi anni. Il papà Alessandro Basso, fotografo, amava chiamare la figlia con il diminutivo: ‘La ragazza di papà‘.

Sara Francesca frequentava con profitto la seconda classe sezione F della scuola media di via Marittima – Campo Coni, il IV Istituto Comprensivo. “Non ci sono parole per descrivere un dolore così grande, una tragedia di queste proporzioni – ha spiegato il dirigente scolastico Gianni Guglielmi – Era una studentessa modello, precisa, educata, generosa“.

Sara Francesca muore in piscina, tragedia a SperlongaQuando la voce piena di vita di una giovane ragazza viene messa a tacere è difficile pronunciare qualunque parola. Eppure sentiamo il bisogno di abbattere questa barriera e di ricordare Sara Francesca, della classe 2F della Scuola Media Campo Coni, del IV Istituto Comprensivo di Frosinone. Era una studentessa modello, attenta, sensibile ma anche curiosa, sempre pronta ad apprendere e a mettersi in gioco con il sorriso e la gioia del fare. La scuola Campo Coni oggi diventa più povera perché più poveri saremo tutti noi senza la sua energia, la sua disponibilità e la sua gentilezza e senza tutte le lezioni che silenziosamente era lei ad insegnare a noi e ai suoi compagni“.

La morte di Sara ha lasciato annichilite le comunità di Frosinone e Supino la scuola e l’Officina della Danza a Frosinone che frequentava con profitto

La tragedia si è verificata ieri poco dopo le 17. La studentessa stava facendo il bagno nella piscina del ‘Grand Hotel Virgilio’  un albero a quattro stelle una delle più esclusive nella famosa stazione marittima della Riviera di Ulisse – quando sarebbe stata risucchiata da una delle bocchette di aspirazione della piscina. Un turista americano si è accorto delle difficoltà della ragazzina e ha provato a tirarla via, aiutato da un medico intervenuto immediatamente.  La tredicenne, secondo i primi accertamenti svolti dai militari dell’Arma, sarebbe rimasta molto tempo sott’acqua. Quando è scattato l’allarme  quattro addetti della struttura ricettiva  sarebbero intervenuti per soccorrere Sara, ma si è perso molto tempo prezioso. Ed è stata una lotta riuscire «strapparla» dal bocchettone della piscina. Il risucchio dell’acqua sul fondo della piccola vasca per gli ospiti era troppo forte e hanno dovuto aspettare che i tecnici dell’albergo disattivassero il motore del riciclo. Così è passata un’eternità. Sara Francesca Basso aveva già bevuto moltissima acqua. Uno choc spaventoso per la ragazzina, che è stata rianimata e poi immediatamente trasportata in eliambulanza all’ospedale Gemelli, dove poco dopo le 4 è morta.

I militari del colonnello Pietro Dimiccoli, comandante del Reparto Operativo Provinciale dei Carabinieri di Latina, su disposizione della Procura, hanno sequestrato la piscina  che sarà ora sottoposta a tutti gli accertamenti del caso. Due anni fa il ‘Grand Hotel Virgilio’ era stato sequestrato sempre dai Carabinieri per ‘carenze strutturali’.