Home Spettacolo e Gossip Nadia Toffa, raccolti 500 mila euro per i bambini malati di cancro:...

Nadia Toffa, raccolti 500 mila euro per i bambini malati di cancro: “Non voglio vederli morire”

CONDIVIDI

Prima che scoprisse di essere malata di cancro Nadia Toffa si era occupata dell’emergenza sanitaria legata all’inquinamento prodotto dall’Ilva di Taranto. Nadia aveva deciso di partecipare attivamente alla raccolta fondi per i piccoli pazienti diventandone di fatto la madrina dell’iniziativa volta a raccogliere fondi per aiutare i bambini di Taranto e loro famiglie. Aveva jndossato la maglietta “Ie Jesche Pacce Pe Te” – il nome dato all’inziativa di beneficenza – e aveva fatto appelli perchè i bambini fossero aiutati La maglietta indossata da lei fu subito venduta su E-bay per € 10.500.

Taranto, cittadinanza onoraria a Nadia Toffa

Nei mesi successivi la raccolta fondi “Jesche Pacce Pe Te” raggiunse i €490.000. Una cifra importante consegnata all’Asl di Taranto e poter così stipendiare per 24 mesi due pediatri, specialisti in oncologia infantile, ed evitare così che i piccoli pazienti e le loro famiglie fossero costretti ad andare a Bari o Taranto per farsi visitare. Nella città pugliese infatti manca un reparto di oncologia pediatrica, nonostate la gravissima incidenza di tumori infantili. Proprio per questo il resto dell’importo è stato destinato a finanziare la costruzione di strutture che ampliassero il reparto di Pediatria dell’Ospedale Santissima Annunziata a Taranto creando lì un reparto di oncologia per i bambini più sfortunati.

Il destino bussò poi alla porta di Nadia, che pochi mesi dopo, nel dicembre dello scorso anno, ebbe un malore, a Trieste. Nadia scoprì di essere malata. Lei, che tanto aveva a cuore la salute dei bambini malati di cancro

Qualche mese dopo le famiglie di Taranto seppero che Nadia Toffa, proprio lei, si era ammalata di cancro. Emblematico fu il video in cui Gabirella, una bambina pugliese malata di cancro e guarita, si diceva “emozionata” dall’apprendere che anche Nadia era stata colpita dal cancro, come lei e gli faceva coraggio dicendole: “Non ti preoccupare, i capelli ricresceranno” con quel candore struggente che solo i bambini hanno.

Ora il Consiglio comunale di Taranto ha conferito all’inviata de Le Iene la cittadinanza onoraria. La decisione è arrivata dopo l’approvazione, nel febbraio scorso, della mozione presentata dal consigliere Marco Nilo che si era fatto portavoce di centinaia di cittadini  di Taranto attraverso appelli lanciati sui social networl.“