Home Persone Domenica tragica, grave incidente a ponte Cadore

Domenica tragica, grave incidente a ponte Cadore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:37
CONDIVIDI

cadoreE’ accaduto intorno alle 15 un terribile schianto frontale che ha provocato anche una coda lunga diversi chilometri sia in discesa che in salita sul ponte Cadore nel Bellunese, ​lungo la statale di Alemagna 51  che conduce sulle Dolomiti. La domenica di bel tempo e piena di turisti è  stata funestata da uno schianto al km 68,5: le vittime sono due, entrambe donne, entrambe di Cortina, una di 70 anni e l’altra di 77 anni, come riportato da Il Corriere della Sera. Si chiamavano  Rita e Vilma Alverà di Cortina. Sull’Audi A4 viaggiava una famiglia di Domegge composta dal papà 45enne R.Z.A. alla guida, dalla mamma 45enne C.T.B., dalla figlia di 10 anni L.Z.A. e dal figlio di 8 anni E.Z.A. Quest’ultimo  è stato trasportato in elicottero all’ospedale di Treviso per un serio trauma contuso-toracico, mentre gli altri componenti della famiglia  sono stati medicati all’ospedale di Belluno, ma per loro le ferite sono di lieve gravità.
I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza i mezzi ed estratto le due donne, che viaggiavano a bordo di un’autovettura Peugeot, ma nonostante i tentativi di rianimazione del personale del Suem, il medico ha dovuto dichiararne la morte. La conducente dell’Audi che viaggiava con il figlio di Domegge sono stati stabilizzati e portati in ospedale dall’elisoccorso e dall’ambulanza. Sul posto i carabinieri per la deviazione del traffico e i rilievi del sinistro.

Fonte: Il Corriere della Sera

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]