Home Senza categoria L’ultimo gesto d’amore per Fabrizio: “Resterai per sempre”

L’ultimo gesto d’amore per Fabrizio: “Resterai per sempre”

CONDIVIDI

Chiunque l’ha conosciuto l’ha descritto come un “uomo buono”, per questo subito dopo la morte in molti avevano chiesto di omaggiarlo in qualche modo. Carlotta Mantovan ha scelto di mantenere il silenzio, altri hanno espresso il desiderio che il nome di Fabrizio Frizzi rimanesse impresso oltre on solo nella memoria di chi lo ha conosciuto e amato in vita.

Un gesto che è un valore simbolico ed un gesto di affetto. Collettivo, senza obiezioni nè polemiche. Neanche l’ombra. E’ stata la città in cui è nato, quella in cui è scomparso prematuramente e dove le persone comuni sono accorse per l’ultimo saluto a volergli rendere un omaggio che resterà nel tempo. Perchè è stato deciso, ameno di due mesi dalla morte, che la  strada dedicata a Fabrizio Frizzi si farà.  il Comune di Roma ha deciso di dedicargli una via in una zona meravigliosa della città, situata nella zona fra l’Aventino e il Giardino degli Aranci. L’annuncio arriva  dopoche l’Assemblea capitolina, con ben 30 voti a favore, ha approvato all’unanimità una mozione presentata da Fratelli d’Italia e dalla lista civica Con Giorgia.La sindaca Virginia Raggi si è quindi impegnata per avviare le pratiche. “Esprimiamo viva soddisfazione – hanno spiegato i consiglieri comunali che hanno presentato la proposta -. La mozione ha ricevuto il voto favorevole di tutte le forze politiche e prevede di applicare la deroga ai dieci anni dalla scomparsa come previsto per le persone benemerite quale senza dubbio è stato Fabrizio Frizzi. Un grande uomo di spettacolo e ancor più un grande uomo di solidarietà al quale tutti i romani e gli italiani hanno tributato un enorme affetto in occasione della sua prematura scomparsa”.

Lo scorso 26 marzo Fabrizio Frizzi si è spento presso l’ospedale Sant’Andrea di Roma dopo una lunga battaglia contro un male che ha tenuto segreto sino all’ultimo. La sua morte ha sconvolto non solo i colleghi  ma anche tantissimi italiani e tutte le maestranze Rai che negli anni avevano collaborato con lui.