Home News dal mondo La donna musulmana lo caccia dalla stanza d’ospedale. Il padre non può...

La donna musulmana lo caccia dalla stanza d’ospedale. Il padre non può vedere la figlia morente

CONDIVIDI

 

Un padre è statocostretto a rinunciare a vedere in un ospedale pubblico la propria figlia morente a causa dei precetti dell’islam radicale. All’uomo è stato impedito l’ingresso nella stanza in cui si trovava la figlia ventenne, gravemente malata di sclerosi multipla, perché l’altra signora presente nella stanza – una musulmana radicale – non desiderava la presenza di un uomo in camera. Il precetto religioso della paziente ha così impedito Robert Salfenauer – questo il nome dell’uomo – di salutare la figlia Chiara, nonostante fosse presente una tenda divisoria tra i due letti.

Non appena la signora con il velo si è accorta che nella stanza era presente un uomo ha iniziato a urlare e nulla è valso per farla tranquillizzare. Robert Salfenauer ha spiegato di essere uscito dalla stanza per riportare la donna alla calma e per parlare un po’ con la figlia si è fermato sulla soglia, restando nel corridodio. Non è bastato: anche in questo caso la paziente islamica ha richiesto l’intervento degli infermieri. Alla fine  Salfenauer, insieme alla moglie, ha deciso di uscire dalla stanza e rinunciare a tenere la mano alla figlia.

«Siamo rimasti scioccati dal fatto che una musulmana radicale abbia potuto condizionare la vita di un ospedale a Vienna. Di fatto ha potuto decidere che non potessi vedere mia figlia. Eppure ogni forma di radicalismo dovrebbe essere combattuta» ha detto.

Salfenauer, avvocato, si è mosso legalmente e l’ospedale è stato costretto a chiedere scusa, promettendo di fare luce sul caso.