Home Persone Notte di eccessi, donna precipita nel vuoto

Notte di eccessi, donna precipita nel vuoto

CONDIVIDI
Jozwiak
(Websource/archivio)

Gli investigatori non escludono alcuna ipotesi: morte volontaria, incidente o femminicidio. Al momento non è possibile stabilire con chiarezza cosa sia successo intorno alle 6.45 di stamattina a Magdalena Monika Jozwiak una donna polacca di 39 anni, da tempo residente a Olbia precipitata dal quinto piano. Il suo corpo, trovato completamente nudo sarà sottoposto ad autopsia, e saranno eseguiti anche degli esami tossicologici. Il suo compagno che, dopo essere stato portato in caserma, è stato trasferito in Psichiatria, perchè sotto gli effetti di alcol e cocaina. Non è stato in grado di dire nulla sull’accaduto. Al momento sembra che la caduta dal quinto piano sarebbe avvenuta dopo una notte di eccessi della coppia.

“Il mio assistito sta vivendo un grandissimo dramma, dettato dal dolore e dallo sconforto per la perdita della propria compagna, ma dal punto di vista delle indagini siamo molto sereni e attendiamo che l’autorità giudiziaria completi ogni indagine, anche sul piano tecnico e scientifico, per fare chiarezza al più presto”. Così all’Ansa Giampaolo Murrighile, avvocato di Marco Messina, il 44enne giardiniere e manutentore indagato per la morte della compagna. La coppia viveva a Olbia e aveva deciso di dormire in albergo per trascorrere una serata speciale. Nella suite al quinto piano i carabinieri hanno infatti trovato vodka, champagne, spumante e cocaina. Messina è stato trovato positivo sia all’alcol test sia all’esame tossicologico.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org