Home Casi Pamela, la seconda autopsia: “I nigeriani si sono divertiti. Cose orribili nelle...

Pamela, la seconda autopsia: “I nigeriani si sono divertiti. Cose orribili nelle parti intime di lei, ovunque”

CONDIVIDI

mastropietroEmergono i dettagli della seconda autopsia sul corpo di Pamela Mastropietro uccisa e fatta a pezzi e sono un racconto di brutalità infinita. I suoi assassini l’hanno prima voluta far soffrire. Le rivelazioni sono date dal Tempo. Gli esami “inducono a ritenere superate le iniziali incertezze sulle cause della morte – il dubbio era fra omicidio o overdose – facendo propendere recisamente – spiega il gip – per l’ipotesi omicidiaria”.

L’hanno uccisa, dunque, ma come? La lingua “pinzata tra i denti” fa propendere per “una sofferta asfissia per soffocamento“. Dal collo manca della pelle, probabilmente spiega il quotidiano romano per nascondere i segni di uno strangolamento. Ci sono però anche le due coltellate al torace, inferte “quando la giovane era ancora a cuore battente”. Il nuovo dettaglio è però la mancanza del 20% della pelle sul corpo della povera 18enne romana ammazzata a Macerata, nell’appartamento dello spacciatore nigeriano Innocent Oseghale. Mancano “ampi tratti di cute in zona vaginale e anale“, l’ipotesi è che gli aguzzini abbiano voluto “celare un pregresso atto sessuale, cui si riconduce anche il rinvenimento di tracce di saliva su un capezzolo”.

Dopo la morte, sul corpo di Pamela è iniziato il rito brutale del “depezzamento” con una mannaia. “È emersa la presenza su un’ampia parte di cute di superficiali ferite da taglio parallele, ferite – si legge nell’ordinanza – che il dottor Tombolini (primo medico legale a fare l’autopsia, ndr) ha ritenuto inferte in vita, quasi a voler infliggere sofferenze alla vittima, mentre il dottor Cingolani (nominato in un secondo momento dalla Procura, ndr) ha ritenuto effettuate post mortem verosimilmente in relazione alle pratiche si sezionamento del cadavere”.