Home Cronaca Firenze, rivolta dei senegalesi. Il sindaco Nardella spintonato e insultato – VIDEO

Firenze, rivolta dei senegalesi. Il sindaco Nardella spintonato e insultato – VIDEO

CONDIVIDI

senegalesi

Circa 300 persone, la quasi totalità sono senegalesi che abitano a Firenze e in Toscana, hanno attuato oggi pomeriggio un presidio per protestare contro l’omicidio del loro connazionale Idy Diene al Ponte Vespucci, dove Roberto Pirrone lo ha ucciso con colpi di pistola. Sul posto è arrivato il sindaco Dario Nardella per incontrare i senegalesi ma ha dovuto subito abbandonare il presidio dei senegalesi perchè contestato con insulti e spinte sia dagli stessi immigrati, sia da parte di alcuni italiani che sembrano appartenere ai centri sociali fiorentini e a formazioni dell’estrema sinistra. Andandosene Nardella ha detto: «La storia di Firenze è la storia del dialogo, la città capisce la rabbia per la morte di un uomo ma non accetta la violenza».

«Una gran persona, serena, eccezionale, che merita tutto il rispetto che gli possiamo dare». Così ha dichiarato una dipendente del ristorante Fuoriporta, nel quartiere di San Niccolò a Firenze «Idy – ha ricordato a donna trattenendo a stendo le lacrime – “mangiava da noi ogni giorno da 18 anni e alla fine ringraziava e ballava per noi, faceva balli della sua terra. Era il suo modo di ringraziare. Poi pagava ogni volta, perché glielo imponeva la sua dignità, una cifra simbolica, la stessa da sempre”.