Home Cronaca Davide Astori, primi esiti dell’autopsia: “Potrebbe essere morto per colpa di qualcuno”

Davide Astori, primi esiti dell’autopsia: “Potrebbe essere morto per colpa di qualcuno”

CONDIVIDI

autopsia
“In base alle evidenze dell’esame autoptico effettuato in data 6 marzo 2018 sul cadavere di Astori Davide Giacomo, in riferimento alla causa di morte, la si può indicare come causa di morte cardiaca, senza evidenze macroscopiche, verosimilmente su base bradiaritmica, con spiccata congestione poliviscerale ed edema polmonare”. È un primo esito dell’autopsia eseguita sul corpo di Davide Astori, capitano della Fiorentina morto nella notte tra sabato e domenica a Udine: lo ha comunicato il procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo. Il magistrato ha spiegato ai microfoni del Giornale Radio Rai:”Abbiamo aperto un procedimento penale con ipotesi di omicidio colposo, allo stato attuale a carico di ignoti”. La  fase di accertamento medico legale non è ancora conclusa, precisa il procuratore capo: “Per la diagnosi definitiva, sono necessari approfonditi esami istologici”

I risultati definitivi giungeranno entro 60 giorni. Si vuole infatti appurare, senza ombra di alcune dubbio, che Astori sia morto per una tragica fatalità, per colpa di uno di quei casi di morte di giovani atleti.Dopo l’autopsia dovranno essere sbrigate alcune pratiche per consentire il trasferimento della salma di Astori  a Coverciano, dove sarà allestita la camera ardente, prima dei funerali, giovedì alle 10 nella Basilica di Santa Croce a Firenze. Davide poi riposerà in provincia di Bergamo.

La Fiorentina ha chiesto di poter partecipare nominando un proprio consulente, ma la Procura ha respinto la richiesta. A confermarlo l’avvocato Raffaele Conte, nominato legale del club toscano, che in mattinata si è presentato con il medico legale Gloria Manetti in Procura per il conferimento dell’incarico.