Home Cronaca “Era come se dormisse” i primi tristi dettagli sulla morte di Davide...

“Era come se dormisse” i primi tristi dettagli sulla morte di Davide Astori

CONDIVIDI

Il corpo di Davide Astori “è stato trovato nel suo letto, come se si fosse addormentato”. Eil Procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo, a  parlarne, con una descrizione priva di ombre sul contesto in cui si è compiuto il decesso “La stanza era assolutamente in ordine. Non è stato trovato niente che ci facesse inquadrare il fatto come un’assunzione di sostanze che potrebbero aver provocato la morte. Si  tratta della morte di un ragazzo giovane di 31 anni – aggiunge – e faremo tutti gli accertamenti che si possono fare”.

La prima ispezione esterna sul luogo del decesso (l’albergo ‘Là di Moret’ di Udine) è stata eseguita dal medico legale Carlo Moreschi già nel corso della giornata di domenica, ma la relazione di quest’ultimo non è ancora stata depositata. A titolo informale, tuttavia, si è appreso che il medico non avrebbe rilevato alcun segno particolare.

“Sembra che non abbia sofferto, come se fosse morto nel sonno. Questo rende inesplicabile la cosa accaduta a una persona così giovane”, ha aggiunto De Nicolo. L’esame autoptico dovrà accertare se si sia trattato di una morte cardiaca improvvisa, che non dà alcun tipo di sintomatologia, escludendo altre casistiche. “Cause del decesso di altro tipo, se ci fossero, potrebbero essere evidenziate”, ha spiegato ancora De Nicolo.

Era stato lo stesso Procuratore capo di Udine, nel primo pomeriggio di domenica, il primo a comunicare le cause naturali del decesso di Astori. “L’idea è che il giocatore sia deceduto per un arresto cardiocircolatorio per cause naturali”, era stata la sua stringata dichiarazione, accompagnata da una postilla: “è strano che succeda una cosa del genere a un professionista così monitorato senza segni premonitori”.

L’ufficio stampa della Fiorentina aveva invece comunicato della scoperta del decesso di Astori, trovato senza vita nella sua stanza dopo non essersi presentato a colazione. Il difensore bergamasco, differentemente da alcuni compagni di squadra, dormiva in una stanza singola.