Home News dal mondo Capitàn è morto sulla tomba del padrone

Capitàn è morto sulla tomba del padrone

CONDIVIDI
(Websource/archivio)

Capitàn è morto dopo aver atteso per 12 anni il suo padrone.  Dopo la morte di Miguel Guzmán il cane,un incrocio di pastore tedesco, ha passato la sua vita sulla tomba di lui, fino a quando non lo ha raggiunto.  Le foto di Capitàn sulla tomba del padrone avevano fatto il giro del mondo rendendolo famoso per l’amore e la devozione dimostrate verso il padrone scomparso. Una vicenda molto simile a quella di storia Hachiko, l’Akita bianco giapponese. Dopo anni di attesa il cane non ce l’ha fatta e proprio nel nel cimitero di Villa Carlos Paz, nella provincia argentina di Còrdoba è stato trovato senza vita.

Dopo la m, orte di Guzman non voleva abbandonare la sua tomba, fuggiva in continuazione da casa, fino a quando la moglie del defunto e i custodi del cimitero si sono rassegnati e hanno lasciato che l’animale restasse lì. Il cane veniva curato e accudito dai custodi, ma l’età aveva iniziato a farsi sentire: Capitàn aveva 15 anni, era malfermo, quasi cieco e aveva problemi renali.I custodi hanno detto che il cane è stato seppellito il giorno stesso vicino al suo amatissimo padronenel cimitero doveva aveva passato gli ultimi 12 anni della sua vita ad attenderlo.