Home Casi L’infermiera omicida condannata a trent’anni

L’infermiera omicida condannata a trent’anni

CONDIVIDI

Accusata di aver ucciso il marito Massimo Guerra e la madre, Maria Rita Clerici, è stata condannata a 30 anni Laura Taroni, infermiera del pronto soccorso di Saronno. Una codanna, in rito abbreviato,  che accoglie le richieste dell’accusa, per l’imputazione avvenuta in concorso con l’amante e medico Leonardo Cazzaniga ex direttore del pronto soccorso di Saronno. Quest’ultimo è stato rinviato a giudizio dal Gip del Tribunale di Busto Arsizio per nove morti avvenute in ospedale oltre ai due delitti, in concorso, per i quali è stata condannata l’amante. Cazzaniga è stato anche rinviato a giudizio per la morte del suocero di Taroni, Luciano Guerra, posizione per la quale l’infermiera è stata assolta in abbreviato, su richiesta della stessa accusa.