Home Cronaca Ultimo addio alla piccola Bea: “Ora rivedrà la sua mamma”

Ultimo addio alla piccola Bea: “Ora rivedrà la sua mamma”

CONDIVIDI
(Websource/archivio)

“Con te è volata via una parte di me – ha detto Alessandro Naso,  piegato dal dolore su una piccola bara bianca – ti porterò sempre nel cuore”. E’ stato il momento più straziante dell’ultimo addio alla piccola Beatrice Naso, detta “Bea”. I funerali sisono svolti oggi, nella chiesa del Santo Volto, a Torino. La bambina era  affetta da una rarissima malattia  che aveva progressivamente irrigidito il suo corpo, causandone infine la morte mercoledì scorso, a soli 8 anni. Solo pochi mesi fa se n’era andata anche la mamma di Beatrice, Stefania Fiorentino, portata via da un cancro a soli 35 anni. La piccola bara bianca è stata portata in chiesa a spalle dal papà e da altri familiari. Su di essa, coperta da fiori bianchi, un dipinto che ritrae la piccola tra le braccia della sua mamma. C’è anche un cuscino di rose rosse a forma di cuore di mamma e papà, peluche e palloncini. Tra i presenti il sindaco di Torino, Chiara Appendino.

Durante la funzione è stato letto uno scritto dell’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia. «È un lutto che colpisce tutti. La scomparsa di questa bambina, la sua malattia rara ricordano a tutti noi che la vita è un mistero profondo. La breve esistenza di Bea, la sua storia travagliata hanno suscitato, a Torino e in tutto il mondo, solidarietà e attenzione; hanno provocato tanta gente a pregare – ha aggiunto mons.Nosiglia – e a compiere gesti concreti di carità. Questi sono segni di quella ‘tenerezza di Dio’ che ci accompagna sempre, nella sofferenza come nella gioia e nel ritrovarci fratelli».