Home Casi Pamela, la testimonianza straziante: “Quella sera cercava un treno per Roma”

Pamela, la testimonianza straziante: “Quella sera cercava un treno per Roma”

CONDIVIDI

pamela mastropietroIl caso sull’omicidio di Pamela Mastropietro ha sconvolto l’intera comunità di Macerata per la brutalità con cui gli assassini hanno fatto a pezzi il suo cadavere per riporlo in due valige. Grazie alla testimonianza della compagna di Oseghale, i Carabinieri sono riusciti a rintracciare ed arrestate gli altri due nigeriani che erano nella casa degli orrori la notte in cui Pamela e morta. Adesso, con tutti i sospettati in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario, vilipendio e occultamento del cadavere, i Ris stanno lavorando per trovare sul corpo della vittima delle impronte che confermino l’ipotesi di omicidio.

Nel frattempo, nell’ultima puntata di ‘Chi l’ha visto?’, un altra persona, finora rimasta in silenzio, ha rilasciato una testimonianza sugli attimi precedenti alla morte di Pamela, dichiarando che la ragazza era andata alla stazione ferroviaria in cerca di un treno che la riportasse a Roma: “Era bella, truccata, solare, voleva un biglietto ma non c’erano treni in partenza a quell’ora”, ha spiegato il testimone aggiungendo che se avesse trovato un treno non sarebbe mai finita nella zona dei Giardinetti in cerca di una dose di eroina.

Nel corso della stessa puntata è stato poi intervistato il medico legale che si è occupato dell’autopsia sul cadavere di Pamela. A questo è stato chiesto se, data la precisione dei tagli, la diciottenne fosse stata sezionata da una persona esperta e questo ha risposto affermativamente, sottolineando come si tratti dell’ipotesi investigativa più probabile. Il medico, però, ci ha tenuto a sfatare la convinzione che il corpo fosse stato privato degli organi interni, smentendo l’ipotesi di un atto di cannibalismo.

FS