Home Cronaca Veronica Panarello contesta i giudici: “Voglio vedere mio figlio”

Veronica Panarello contesta i giudici: “Voglio vedere mio figlio”

CONDIVIDI
(websource/archivio)

Si torna a parlare della morte del piccolo Loris Stival, avvenuta il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina. Per l’omicidio è sotto processo la mamma del bambino, Veronica Panarello, condannata a trent’anni in primo grado. Nei giorni scorsi, è arrivata la sentenza del tribunale di Ragusa che ha affidato esclusivamente al padre Davide Stival la crescita del fratellino più piccolo di Loris. Una sentenza che la Panarello ha contestato, attraverso il suo legale.

Ma la sorella di Veronica, Antonella Panarello, parlando a Pomeriggio 5, ha difeso la decisione dei giudici: “Il giudice ha fatto bene a decidere così. Dopo tutto ciò che ha fatto mia sorella tre anni fa cosa si aspettava, un ‘brava’? Il giudice è stato giusto. Veronica ha ucciso suo figlio, non ha fatto una cosa bella. Davide ha fatto bene a chiedere questa cosa ai giudici”.

“Credo che il bimbo, che quando sono accaduti i fatti era molto piccolo, oggi si sia anche scordato della madre”, ha sottolineato Antonella Panarello, ma dal carcere la sorella Veronica insiste e spiega di avere tutto il diritto di vedere quel bambino, che all’epoca dei fatti aveva solo tre anni: “Mio figlio deve sapere che la mamma ha fatto di tutto per poterlo incontrare“. Il suo legale, intanto, parla senza mezzi termini di decisione disumana.

GM