Home News dal mondo Rimane aggrovigliato nella coperta, bimbo di 18 mesi muore in culla

Rimane aggrovigliato nella coperta, bimbo di 18 mesi muore in culla

CONDIVIDI
(Websource/Archivio)

Si è concluso in questi giorni il processo sulla morte di Jordan Blue Elmore, bambino di 18 mesi che lo scorso febbraio è stato trovato privo di coscienza nella sua culla. Il piccolo era rimasto aggrovigliato nella trapunta durante il sonno ed aveva smesso di respirare, la madre del piccolo,Tanya, lo ha trovato in quelle condizioni la mattina ed ha subito provveduto a chiamare un ambulanza. Il trasporto in codice rosso all’ospedale di Gainsborough, nel Lincolnshire, si è rivelato inutile, poiché il piccolo è morto un’ora dopo essere stato ricoverato. La donna è stata quindi arrestata per negligenza e costretta ad affrontare un processo, ma le prove raccolte dalla polizia hanno dimostrato che sul corpo del piccolo non c’erano tracce di violenza e che la morte è stata assolutamente accidentale.

Nel corso del processo la donna ha dichiarato più volte la propria innocenza raccontando quanto successo quel terribile giorno in cui ha perso il figlio: “Sembrava solo strano, era molto silenzioso, l’ho steso sulla schiena e l’ho coperto con la trapunta fino petto, con le braccia fuori dalla parte superiore. Sono rimasta nella stanza con lui per altri 20 minuti, era sveglio e mi guardava, poi l’ho lasciato e sono andata al piano di sotto. Mi sono addormentata verso le 00.30, mi sono svegliato verso le 9.30. Ho dato da mangiare al cane e poi sono andata in bagno, cercando di non far rumore. Quando sono andata in camera da letto, Jordan era sotto la trapunta e mi sono resa conto subito che non stava respirando”. La mancanza di prove di violenza o di negligenza da parte della donna hanno fatto sì che il caso venisse chiuso e che la madre di Jordan venisse scagionata da un’accusa ingiusta.

F.S.