Home Sport E’ morto Azeglio Vicini, ct delle Notti Magiche

E’ morto Azeglio Vicini, ct delle Notti Magiche

CONDIVIDI
Azeglio Vicini
(foto pubblico dominio)

E’ morto a Brescia a 84 anni Azeglio Vicini, il commissario tecnico della Nazionale ai Mondiali del 1990 giocati in Italia. Era nato a Cesena il 20 marzo 1933. La sua carriera di allenatore è fortemente legata alla Nazionale di Calcio italiana, prima con le giovanili – guidate per un decennio – poi con la maggiore. Con gli azzurrini, ottiene ottiene tre volte la qualificazione ai quarti di finale, poi arriva in semifinale nel 1984 e in finale (persa con la Spagna) due anni dopo. Alla nazionale maggiore approda dopo i mondiali del 1986, prendendo il posto di Enzo Bearzot. L’esordio è datato 8 ottobre 1986 a Bologna contro la Grecia.

Sin dalla prima partita, dimostra di voler dare fiducia a calciatori come come Walter Zenga e Roberto Donadoni, pedine insostituibili della sua gestione. Con gli azzurri, arriva in semifinale agli europei del 1988 in Germania, battuto dall’Urss per due a zero a Stoccarda, in una partita che verrà ricordata per la pioggia torrenziale. Quindi resta alla nazionale maggiore anche nel biennio successivo. La guida nelle Notti Magiche di Italia ’90. Sfortunatissima quell’esperienza: sconfitti in semifinale dall’Argentina ai tiri di rigore, gli azzurri giungono terzi, battendo l’Inghilterra nella finalina di Bari.

Sono i Mondiali di Vialli e Mancini, ma soprattutto di Totò Schillaci, che vince il titolo capocannonieri un po’ inaspettatamente. Confermato per altri due anni, per Vicini è decisiva la mancata qualificazione per gli Europei del 1992. Fatale la sconfitta per 2-1 ad Oslo contro la Norvegia ed il pareggio (0-0) a Mosca contro l’Unione Sovietica. Al suo posto arriva Arrigo Sacchi, anche egli protagonista, nel 1994, di un mondiale sfortunato, perso ai rigori con il Brasile. Dopo le esperienze in Nazionale, si è lentamente allontanato dalla panchina allenando solo per brevi periodi Cesena e Udinese. Però è rimasto a lungo prima presidente dell’Associazione Italiana Allenatori Calcio, poi Presidente del Settore tecnico della FIGC.

GM