Home Lavoro Stipendi (auto)ridotti per non perdere il posto

Stipendi (auto)ridotti per non perdere il posto

CONDIVIDI

Quello che sta accadendo alla Falegnami Italia, storica azienda di armadi di Castelfiorentino nella Val d’Elsa è senza dubbio singolare. La ditta sta vivendo un fortissimo momento di crisi e per questo motivo gli operai hanno deciso di compiere un forte atto di solidarietà reciproca. Per evitare che venissero licenziate 22 persone tutti i dipendenti si sono auto ridotti lo stipendio per un anno, in alcuni casi anche del 50%.

Sono tutti convinti che un anno di sacrifici collettivi possano bastare all’azienda per risanarsi magari aprendosi al mercato russo nonostante i dazi presenti. I tagli auto inflitti agli stipendi che a pieno regime non superano i 1.300 euro sono a dire il vero iniziati già 4 anni fa e non è complesso capire che su una cifra del genere una riduzione anche solo del 20% appaia già molto significativa.

Negli ultimi tempi l’azienda, che conta 70 dipendenti, ha ricominciato ad investire cercando anche di applicare una politica di prezzi più contenuti che ha permesso di aumentare le vendite. Alessandro Lippi, delegato di Fillea Cgil, spiega che «la proposta di ridurre gli stipendi per lavorare soltanto 21 ore a settimana fino al 31 dicembre è stata accolta quasi in maniera unanime”.

F.B.