Home Cronaca Multe, da domani sarà impossibile non pagarle. Che cosa è successo

Multe, da domani sarà impossibile non pagarle. Che cosa è successo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:08
CONDIVIDI

multeDopo le novità sugli aumenti dei pedaggi autostradali e sugli introiti previsti dalle amministrazioni comunali in termini di multe agli automobilisti arriva sempre su quest’ultimo argomento un’altra importante novità che potrebbe non far piacere a chi ogni giorno si trova sulla strada con la propria auto.

Come comunicato sulla Gazzetta Ufficiale diventa operativo in questi giorni il decreto la notifica delle multe via Pec, ovvero sulla Posta elettronica certificata in attuazione di una legge emessa addirittura cinque anni fa, la legge 93 del 2013. In sostanza chi commette un infrazione riceverà la notifica via posta certificata e così non potrà più dire di non aver avuto comunicazione della multa.

Sul sito laleggepertutti.it si legge: “Il messaggio Pec inviato al destinatario del verbale di contestazione deve contenere nell’oggetto la dizione «di atto amministrativo relativo ad una sanzione amministrativa prevista dal codice della strada» ed in allegato:

a) una relazione di notificazione su documento informatico separato, sottoscritto con firma digitale, in cui devono essere riportate almeno le seguenti informazioni:

  • la denominazione esatta e l’indirizzo dell’amministrazione e della sua articolazione periferica che ha provveduto alla spedizione dell’atto;
  • l’indicazione del responsabile del procedimento di notificazione nonché, se diverso, di chi ha curato la redazione dell’atto notificato;
  • l’indirizzo ed il telefono dell’ufficio presso il quale è possibile esercitare il diritto di accesso;
  • l’indirizzo di posta elettronica certificata a cui gli atti o provvedimenti vengono notificati e l’indicazione dell’elenco da cui il predetto indirizzo è stato estratto ovvero le modalità con le quali è stato comunicato dal destinatario;

b) copia per immagine su supporto informatico di documento analogico del verbale di contestazione, se l’originale è formato su supporto analogico, con attestazione di conformità all’originale, sottoscritta con firma digitale, o un duplicato o copia informatica di documento informatico del verbale di contestazione con attestazione di conformità all’originale, sottoscritta con firma digitale;

c) ogni altra comunicazione o informazione utile al destinatario per esercitare il proprio diritto alla difesa ovvero ogni altro diritto o interesse tutelato.

Gli allegati o i documenti informatici che contengono degli allegati devono essere sottoscritti con firma digitale e trasmessi con formati aperti, standard e documentati.

F.B.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]