Home Spettacolo Morte Dolores O’Riordan, emergono inquietanti dettagli

Morte Dolores O’Riordan, emergono inquietanti dettagli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:14
CONDIVIDI

dolores o'riordanContinua a tenere banco nel mondo dello spettacolo e della musica la scioccante morte di Dolores O’Riordan, la cantante del gruppo irlandese  dei Cranberries. Oggi erano emersi alcuni dettagli sul ritrovamento del suo corpo nella toilette dell’hotel londinese nel quale alloggiava. Ora invece si parla dei problemi che aveva affrontato la 46enne negli ultimi tempi.

Come riferiscono alcune persone molto vicine a lei Dolores aveva sofferto e soffriva ancora di una fortissima depressione. Inoltre, come lei stessa aveva confessato in un’intervista, aveva avuto problemi di salute mentale per tutta la sua carriera e a tutto ciò aveva unito l’abuso di alcol. Una situazione che nel 2013 era culminata in un tentato suicidio. Ed è per questo che anche in questa occasione quella del suicidio rimane un’ipotesi più che concreta.

Nel 2015 le era stato diagnosticato un disturbo bipolare e in quel momento erano iniziati anche i seri problemi di anoressia. Nei testi delle sue canzoni e in alcune interviste era poi emerso un terribile antefatto che risale alla sua infanzia quando Dolores venne abusata sessualmente da un amico di famiglia: “Ero solo una bambina”, aveva raccontato la musicista in tv nel 2013, “e quando hai delle figlie diventa ancora più difficile perché rivivi i flashback quando sei con loro e li guardi. Ti chiedi come sia possibile trarre soddisfazione in qualche modo”.

F.B.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]