Home Cronaca Orrore alle porte di Roma: cadavere di 15enne sui binari

Orrore alle porte di Roma: cadavere di 15enne sui binari

CONDIVIDI

Valerio FrijaLabico, centro alle porte di Roma, è sotto choc per quanto sta accadendo in queste ore. Infatti, nelle scorse ore, sui binari sono stati trovati i resti di Valerio Frija, 15 anni, la cui scomparsa aveva destato molta preoccupazione. Era stata la madre, su Facebook, a lanciare l’allarme: “Abbiamo trovato i resti del suo cellulare sui binari. Dobbiamo aspettare l’esame del Dna, ma abbiamo trovato resti del suo cellulare sui binari”. La scoperta del corpo è stata fatta dai macchinisti, che hanno dichiarato di avere sentito un forte colpo all’altezza della stazione e di essersi fermati per verificare l’accaduto.

Alessandro Frija, il papà di Valerio, non crede però che suo figlio si sia ucciso: “Valerio non si sarebbe mai tolto la vita, non c’era motivo e non mi avrebbe mai dato un dolore così grande”. Queste le sue parole al quotidiano ‘Il Messaggero’: “Deve essere stato un incidente oppure qualcuno lo ha spinto sotto il treno, altrimenti perché l’avrebbero ritrovato con le mani mozzate? Poi dicono che fosse nudo”. Quindi prosegue: “Valerio deve essere uscito di casa intorno alle 23 di venerdì. L’ho sentito uscire dalla stanza ma pensavo che fosse solo sceso a mangiare perché non aveva cenato, poi il giorno dopo quando ci siamo accorti della scomparsa, i carabinieri ci hanno detto che alle 24,30 un uomo era stato investito dall’Intercity”.

Valerio era studente al liceo linguistico Machiavelli di piazza Indipendenza, a Roma. Sembra che ultimamente la madre avesse scoperto che faceva uso di droghe leggere, avevano litigato e il figlio si era allontanato di casa, ma anche la donna non crede al suicidio: “Valerio aveva tutto, il 21 doveva andare a un concerto, stava organizzando un viaggio a Dublino, aveva tanti interessi”. Eppure, a supportare questa tesi ci sono alcuni elementi, compresa una storia su Instagram, in cui il ragazzo si era sfogato poco prima della morte: “È stato bello, alla prossima”. Un orrore che si ripete: qualche ora prima, Pasquale De Biasio, 42enne di Calvi Risorta, è stato trovato morto sulle rotaie della ferrovia, a poca distanza dallo scalo di Sparanise.

GM