Home Cronaca Saronno, decessi in corsia. Il dottore: “Pazienti in fase terminale, sono fiero”

Saronno, decessi in corsia. Il dottore: “Pazienti in fase terminale, sono fiero”

CONDIVIDI
saronno
(Websource/archivio)

I fatti risalgono al 2016 ed in carcere da allora, l’infermiera Laura Taroni (42) ed il medico Leonardo Cazzaniga (62), in merito alla vicenda sulle morti in corsia nel nosocomio di Saronno. Oltre 14 gli indagati. Intercettazioni scioccanti fatte dalle forze dell’ordine hanno portato alla luce una macabra verità su i due incriminati, amanti al momento dei fatti. A distanza di due anni, sono stati entrambi dichiarati capaci di intendere e di volere, ma l’uomo è affetto da disturbo narcisistico della personalità. E le dichiarazioni fatte dal dottore non fanno che autenticare la diagnosi: “A torto o a ragione ero considerato la persona più importante e carismatica del pronto soccorso. Io mi ritengo, se non il migliore, uno dei migliori medici. Sì il migliore per la vastità della mie competenze”. Parole queste pronunciate davanti agli psichiatri proprio dal dottor Leonardo Cazzaniga, imputato principe per le morti in corsia all’ospedale di Saronno. Per quanto riguarda il suo rapporto con  l’infermiera Laura Taroni, imputata insieme a lui anche se a lei vengono addebitati omicidi in ambito familiare, è stato fatto sapere che non sono emersi elementi di sudditanza di uno rispetto all’altra ma di contro, una volontà assolutamente indipendente.

L’avvocato ha spiegato che, a carico dei due, sono stati diagnosticati evidenti disturbi della personalità che non sconfinano però, nella patologia. Secondo Ennio Buffoli, legale difensore di Cazzaniga questo è ciò che porta il responso: “Con la perizia è venuto meno quel contesto delirante in cui il medico sembrava aver agito stando alle indagini. Questo potrebbe rivelarsi un fattore positivo in quanto è dimostrato che non ha agito indiscriminatamente, bensì su pazienti terminali ai quali, come sempre sostenuto dal medico, intendeva alleviare le sofferenze, non certo ucciderli”. Una contestazione lecita ma non giustificabile, che porta alla immediata replica dell’accusato, diretto nello stesso verso del suo avvocato: “L’ho fatto come una forma di pietà, di cui sono fiero. Ho maturato la convinzione che fosse inumano e anti-pietà comportarsi sul morente in modo accanente. I pazienti in fase terminale o preterminale (per terminali intendo minuti, mezz’ore e ore..), per me era semplicemente accompagnarli alla morte”.

GVR

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org
Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore