Home News dal mondo Gli mandano per scherzo la polizia a casa e viene ucciso durante...

Gli mandano per scherzo la polizia a casa e viene ucciso durante l’arresto

CONDIVIDI

Negli Stati Uniti esiste una nuova “moda” chiamata swatting che consiste nel mandare a casa dell’antagonista una pattuglia della SWAT, la squadra di pronto intervento della polizia americana, e farlo arrestare sulla base di reati fittizi e mai commessi dalla vittima dello scherzo. Difficile capire quale sia il divertimento in una simile pratica, a maggior ragione se l’obbiettivo dello scherzo abita a migliaia di chilometri di distanza e nemmeno conosce l’autore della burla. Per altro si tratta di un gioco pericoloso dato che per richiedere l’intervento della Swat è necessario che sul luogo del crimine ci siano persone in pericolo e ostaggi. Era quindi solamente questione di tempo prima che qualcuno rimanesse ucciso dalla stupidità della burla.

Questo è esattamente quanto è accaduto a Wichita, Kansas, dove un agente ha ucciso un ragazzo innocente dopo una finta richiesta di soccorso effettuata da uno sconosciuto. L’autore dello swatting, infatti, si aveva detto di aver appena ucciso il padre e di tenere in ostaggio la madre ed un altro parente. Non solo, ha anche aggiunto che aveva da poco cosparso benzina su tutta la casa e che si preparava a dare fuoco all’appartamento con i familiari dentro. La polizia è intervenuta repentinamente e quando ha bussato alla porta è stata accolta da un giovane che poteva corrispondere all’autore della chiamata.

Gli agenti hanno puntato le pistole contro il ragazzo intimandogli di alzare le mani in aria, lui, però, ha istintivamente portato la mano alla cintura ed uno degli agenti gli ha sparato ferendolo mortalmente. I poliziotti hanno anche provato a salvargli la vita ma, il giovane è morto poco dopo. La famiglia del ragazzo è furiosa per quanto accaduto e chiede giustizia per l’insensata morte del figlio: un ragazzo di 28 anni che si chiamava Andrew Finch. La polizia sta investigando per trovare l’autore della chiamata ed ha scoperto che la richiesta di soccorso è giunta da Los Angeles a miglia di distanza dall’accaduto.

F.S.