Home Cronaca Scrive alla mamma: “Partiamo adesso”. Un’ora dopo il dramma

Scrive alla mamma: “Partiamo adesso”. Un’ora dopo il dramma

CONDIVIDI

drammaEmergono i particolari dell’incidente avvenuto l’altra sera in Umbria, che ha portato alla morte di due giovani, entrambi di poco più di 20 anni. La sciagura si è verificata nelle campagne di Spoleto, in provincia di Perugia, con la Mini Cooper che li trasportava in direzione Foligno. Le vittime sono Francesco Tridenti, 21 anni di Sirolo, e Davide Vitale, 20enne pugliese: erano partiti un’ora prima da Civitanova Marche, dove il primo aveva preso l’amico, originario di Lucera, in provincia di Foggia, appena giunto in treno.

Insieme erano diretti a Saturnia, in Toscana: avevano trovato lavoro per la stagione invernale in un ristorante stellato di Montemarano. I due infatti condividevano anche una grande passione per la cucina. “Sto partendo da Civitanova, ci sentiamo dopo”, aveva scritto Francesco Tridenti alla madre un’ora prima dello schianto. Poi era arrivata una telefonata, intorno alle 22: lei, mamma Isabella, figlia di Vittorio Fabiani, noto imprenditore della riviera del Conero, pensa che sia il figlio e invece sono i Carabinieri, che le danno notizia della tragedia.

Francesco Tridenti era “figlio d’arte”: il papà Giorgio Tridenti è un notissimo ristoratore e il figlio lavorava con lui, d’estate, alla Locanda Rocco di Sirolo, storico hotel-ristorante accanto al teatro comunale. Aveva però deciso di coltivare quella passione anche d’inverno e da qui la scelta di trasferirsi in quel ristorante a una decina di chilometri dal centro termale di Saturnia. Qui aveva conosciuto Davide ed erano diventati amici. Quello di martedì sera è stato il loro ultimo viaggio insieme.

GM