Home Cronaca Cornuda, trovato il corpo della donna scomparsa a novembre

Cornuda, trovato il corpo della donna scomparsa a novembre

CONDIVIDI

cornudaAppartiene a Sofiya Melnyk il corpo ritrovato nei boschi del vicentino, precisamente presso il comune di Romano d’Ezzelino. Si tratta della 43enne di origini ucraine sparita senza lasciare alcuna traccia alla fine di novembre, dopo che il suo compagno, il 50enne Daniel Pascal, ne aveva denunciato la scomparsa e poi si era suicidato all’interno della sua abitazione. La vicenda ha assunto i connotati di un vero e proprio giallo.

Cornuda, il caso si chiude nel peggiore dei modi

Il cadavere di Sofiya è stato scoperto ieri mattina, la Vigilia di Natale, da un cacciatore, che per puro caso si trovava a passare da quelle parti. A condurlo al corpo della donna era stato il suo cane. Il volto di Sofiya era irriconoscibile e c’erano segni di lesioni dovunque. Si ritiene che cadavere sia stato gettato dalla scarpata antistante, ed in queste settimane poi gli agenti atmosferici ed anche gli animali ne hanno fatto scempio. Subito sono intervenuti la Protezione Civile, i carabinieri ed un medico legale, oltre ai vigili del fuoco di Vicenza e di Bassano del Grappa. Sofiya era stata avvolta in un sacco nero per l’immondizia ed ora i resti si trovano presso l’obitorio dell’ospedale di Treviso, dove nei prossimi giorni sarà svolta una autopsia che dovrà stabilire le cause della morte. Non si esclude la possibilità che possa trattarsi di un caso di omicidio-suicidio.

S.L.

Le foto del recupero del corpo di Sofiya