Home News dal mondo Maestra picchia i bimbi con calci e pugni

Maestra picchia i bimbi con calci e pugni

CONDIVIDI
maestra
(Websource/archivio)

Un video al quanto scioccante e deprimente, inchioda una maestra di scuola materna di Shenmu, in Cina, mentre picchia i suoi alunni senza farsi nessun problema. Botte e strilli smisurati verso le piccole vittime, impaurite per non dire terrorizzate dalla foga della donna fuori controllo, che ha avuto oltre tutto il coraggio di accusarli di non rispettare le sue regole. Un’assurdità. Appena è stato divulgato il video in questione, l’insegnante ha da subito ammesso l’increscioso avvenimento, provandosi a giustificare. Si è detta nervosa e contrariata dal comportamento secondo lei inopportuno del gruppo e una volta persa la pazienza, ha iniziato a colpirli ripetutamente, lasciandoli in lacrime. Una volta prese in considerazioni le immagini girate da una telecamera di sicurezza posta all’interno dell’edificio scolastico, si è constatata la cattiveria fuori luogo e senza senso della donna, scagliata con inaudita violenza contro gli inermi bimbi: nella clip si vede l’insegnante che si aggira in classe colpendo alla testa alcuni alunni per poi iniziare a colpirli con calci, pugni e spintoni, non trascurando nemmeno quelli che stavano semplicemente seduti sul pavimento.

Particolarmente crude sono le immagini in cui calpesta un bimbo e un’altra in cui colpisce con violenza per tre volte allo stomaco uno dei piccoli. Polemiche a non finire si sono scatenate dopo che il video è finito on line, centinaia di visualizzazioni e commenti di dissenso verso la donna, così che il dipartimento di Educazione della città di Shenmu ha riferito di essere già in contatto con la scuola materna dove sono accaduti i fatti ed in attesa di provvedimenti. L’istituto dovrebbe licenziare l’insegnante a breve, la quale è stata costretta (e ci mancherebbe altro) a scusarsi con i genitori, ma al momento non c’è alcuna comunicazione ufficiale. Si attendono novità. Noi per il momento, ci sentiamo solidali con le famiglie dei piccoli colpiti da un altro caso di violenza scolastico.

GVR