Home Cronaca Novara, muore nel giro di 24 ore per un batterio sconosciuto

Novara, muore nel giro di 24 ore per un batterio sconosciuto

CONDIVIDI

Enrico Azzini, 21 anni di Fontaneto d’Agogna (Novara), aveva iniziato a sentirsi male martedì. I suoi sembravano i normali sintomi di una brutta influenza. Invece dopo sole 24 ore, nella notte tra mercoledì e giovedì la situazione è degenerata e il giovane è morto all’ospedale di Novara.

Sul suo volto erano apparsi degli strani segni, delle macchie sospette che lo avevano convinto a chiamare la guardia medica di Borgomanero. Poi il trasporto in ambulanza all’ospedale di Novara con il giovane che ancora rassicurava tutti e si rivolgeva così alla mamma: “Stai tranquilla, vai pure fuori”. I medici hanno subito compreso la gravità della situazione ma non hanno fatto in tempo a capire di che cosa soffrisse il 21enne. Subito dopo aver escluso che si trattasse di meningite il ragazzo è deceduto. Ora si attende l’autopsia per capire cosa abbia causato questa improvvisa e assurda morte. Si parla di un misterioso batterio simile a quello della meningite, ma solo lesame autoptico potrà chiarire di che si tratta e come sia avvenuto il contagio.

Enrico, perito meccanico che  lavorava a Cameri nel reparto assemblaggio degli aerei da guerra F35, era conosciuto da tutti come un ragazzo  educato, solare e generoso. Lascia nello sgomento e nella disperazione la mamma Anna, catechista in parrocchia, il papà Giovanni, ex assessore allo sport, e la sorella Elisa che frequenta l’ultimo anno dell’Istituto alberghiero.