Home Sport “La Spagna esclusa dai Mondiali”: nuova speranza per l’Italia

“La Spagna esclusa dai Mondiali”: nuova speranza per l’Italia

CONDIVIDI

La Spagna fuori dal Mondiale di Russia 2018. E’ questa la minaccia ventilata dalla Fifa dopo lo scandalo che ha coinvolto Angel Maria Villar, arrestato lo scorso luglio per corruzione. e “le ingerenze del governo spagnolo nell’elezione del nuovo presidente della Federcalcio iberica (Rfef)”. Lo scrive il quotidiano El Pais, secondo cui la Federcalcio iberica avrebbe ricevuto una lettera dalla Fifa in cui si spiega che le ingerenze del governo potrebbero portare alla sospensione della Rfef come membro associato della Fifa e, di conseguenza ,all’esclusione da tutte le competizioni. Mondiale compreso, appunto.

Stando a quanto riferisce il quotidiano spagnolo, a provocare la reazione della Fifa sarebbe stata la proposta del Consiglio superiore per lo Sport (controllato dal Governo) di indire nuove elezioni per la presidenza Rfef. Proposta che è stata inviata dal tribunale amministrativo dello Sport al Consiglio di Stato, il quale tuttavia non ha ancora emesso il suo parere. Per la Fifa, una simile ingerenza che mette a repentaglio l’autonomia della Federazione, in violazione dello statuto. Buona notizie invece per l’Italia, che se si arrivasse davvero alla clamorosa esclusione potrebbe sperare di essere ripescata.

Nel frattempo il presidente della Federcalcio spagnola, Juan Luis Larrea, ammette che in agenda c’è una riunione informativa con Gianni Infantino, presidente della Fifa, il ministro dell’Educazione spagnola Iñigo Mendez de Vigo e il segretario di Stato per lo Sport José Ramón Lete, ma sgombra il capo dall’ipotesi che la Roja sia esclusa dal Mondiale russo: “Nessuno escluderà la Spagna dalla Coppa del Mondo. È qualcosa di impossibile e di cui non si è nemmeno parlato. Non succederà. Cosa pretendono? Di escludere la Spagna per far posto all’Italia? La federazione funziona regolarmente e la nazionale si è guadagnata il suo posto vincendo sul campo, in questo noi e la Fifa siamo d’accordo”.

EDS