Home Cronaca Pazzo di gelosia lancia olio bollente alla fidanzata

Pazzo di gelosia lancia olio bollente alla fidanzata

CONDIVIDI

olioMolti giornali che riportano oggi questa notizia parlano di “gelosia”. Ma questi atti non possono essere derubricati a semplici scene di gelosia. Si tratta di veri e propri atti criminali che spesso sono il preludio ad omicidi e femminicidi. Per cui, anche se spinto dalla gelosia, l’uomo che ha commesso ciò di cui vi stiamo per parlare è stato in realtà spinto da una follia che nulla ha a che vedere con qualsiasi tipo di sentimento se non l’odio.

I fatti sono accaduti a Senigallia, in provincia di Ancona. Un uomo di 38 anni per mesi ha abusato della compagna, violentandola e picchiandola in una volontà folle di soggiogarla completamente a sè. “Non devi chattare con gli altri, perché hai fatto tardi al lavoro, con chi ti sei vista?” continuava a chiederle ossessivamente. Il periodo in cui si sono svolte queste violenze è quello che va da settembre a dicembre 2016. A quel punto, dopo che l’uomo le versò anche addosso dell’olio bollente, la donna, una 40enne di origini napoletane, si decise ad abbandonarlo e denunciarlo.

Ieri, a un anno dalla fine di quell’incubo, la donna ha potuto ascoltare in tribunale la sentenza a carico dell’uomo che è stato condannato  a 4 anni di reclusione per maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale e lesioni personali. Il giudice lo ha invece assolto per il capo d’imputazione di sequestro di persona. Alla vittima è stato anche riconosciuto un risarcimento di 20mila euro.