Home News dal mondo Pietro Sanna: l’ex fidanzata condannata all’ergastolo

Pietro Sanna: l’ex fidanzata condannata all’ergastolo

CONDIVIDI
Hasna Begum
Hasna Begum (foto dal web)

E’ arrivata la sentenza per l’omicidio di Pietro Sanna, un giovane sardo di 24 anni, che viveva a Londra, dove è stato trovato morto accoltellato nel suo appartamento. E’ stata condannata all’ergastolo Hasna Begum, l’amica bengalese di 25 anni, che pare abbia anche avuto una breve relazione con Pietro Sanna. La giovane ha ucciso il ragazzo con 36 coltellate. Nei giorni precedenti l’omicidio, la venticinquenne ha inviato messaggi minacciosi a Giulia Consonni, una giovane che Pietro Sanna aveva conosciuto su Tinder, usando falsi profili Instagram. Poi il 23 giugno – cinque mesi dopo la fine della loro relazione – Hasna Begum è uscita dalla sua finestra alle 6 del mattino, ha preso un taxi per andare a casa di Pietro a Canning Town, nella zona est di Londra e l’ha pugnalato a morte.

Aveva indossato una parrucca bionda e guanti per non farsi riconoscere e poi lo aveva brutalmente attaccato prima di scappare con il suo smartphone. Aveva gettato i vestiti insanguinati, rimando con solo un top addosso e quindi aveva preso un taxi, dirigendosi da un medico. Infatti, nella furia omicida, la giovane si era anche ferita a un pollice. Hasna ha quindi utilizzato il telefono italiano per i successivi giorni, cancellando i suoi post su Instagram e facendo sei chiamate nel tentativo di coprire le sue tracce. Il suo corpo è stato ritrovato tre giorni dopo.

Hasna Begum ha incontrato Pietro – che lavorava in una paninoteca di Canary Wharf – nel gennaio 2016. La loro relazione era durata un anno, ma la giovane non ne aveva mai accettato la fine. Ha spiegato di aver indossato la parrucca nel giorno dell’omicidio per sembrare più avvenente. Quindi ha sottolineato di essere andata quel giorno a casa di Pietro Sanna per convincerlo a ritornare con lei.

GM