Home Cronaca La mamma omicida rifiuta le cure

La mamma omicida rifiuta le cure

CONDIVIDI
(Facebook)

E’ notizia di pochi minuti fa che Antonella Barbieri, la mamma 39enne che ieri ha ucciso la figlia di due anni Kim e il fratellino di cinque Lorenzo Zeus, starebbe rifiutando le cure in ospedale. La donna, che ha tentato di uccidersi dopo aver ammazzato i figli, è ricoverata in terapia intensiva.

Intanto sul suo profilo Facebook, dove campeggia beffardamente l’inno alla vita scritto recentemente da Jovanotti (“Come posso io non celebrarti vita…”) piovono nel frattempo insulti pesantissimi. “Arriva il natale, la festa dei bimbi…questo finale a pochi giorni prima della festa è straziante! Ti spacca il cuore in due..vorresti vivere un sogno.
Invece è un incubo” scrive Fabio. “Marcisci in carcere schifosa…” le augura Angela. E ancora: “Non si può giustificare ciò che sta maledetta ha fatto e la morte atroce che ha dato a quei poveri bambini innocenti”.

C’è anche chi prova ad avere un po’ di comprensione: “Io penso che questa donna si sia sentita tanto sola per arrivare a compiere questo gesto purtroppo la depressione è un male oscuro che ti logora dentro senza avere mai tregua. In tutto questo io mi chiedo ma la famiglia dove sta? Poveri angeli” scrive Federica. E ancora: “Tutti criminologi e tutti a sentenziare sulle disgrazie Altrui! La mente è una cosa meravigliosa e nello stesso tempo sconosciuta. L’unica cosa che bisognerebbe fare in questi casi è portare a casa l’esperienza che ci sono persone che vanno aiutate e non bisogna sottovalutare alcuni segnali. Sentenziare su un gesto così importante è da vigliacchi! Il silenzio sarebbe il commento più saggio che si possa fare. Abbiate rispetto di persone che tra l’altro sono a voi sconosciute” conclude Massimo.