Home Politica Ostia, Raggi: “Giù lungomuro e 50% spiaggia libera”

Ostia, Raggi: “Giù lungomuro e 50% spiaggia libera”

CONDIVIDI
La sindaca di Roma Virginia Raggi, in occasione della conferenza stampa della Presentazione della Settimana europea della Mobilità in programma dal 16 al 22 settembre, 15 settembre 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Alle elezioni municipali per eleggere il governatore di Ostia i 5 stelle hanno prevalso al ballottaggio contro il candidato del centro-destra. Giuliana Di Pillo quindi, con il 60 per cento circa di preferenze, ha battuto la sua avversaria Monica Picca, ferma al 40 per cento. La Sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha voluto così commentare la vittoria in un quartiere già commissariato e infestato dalla presenza mafiosa. Ecco le sue parole:

“Ancora sorrido, perché questo è un momento importante che aspettavamo tutti da moltissimo tempo, finalmente Roma torna a respirare e ad affacciarsi sul mare – ha detto la sindaca Raggi – Il Pua che presentiamo oggi è un lavoro importante di ridefinizione dei parametri della legalità intorno ai 18 chilometri di spiagge del litorale che per troppi anni sono state gestite in maniera assolutamente incontrollata”.

“Questo lavoro riparte da dei pilastri molto chiari: restituire il mare a Ostia e a Roma muovendoci su alcune direttrici, come il previsto riequilibrio del 50% del lungomare fatto di spiagge libere, soprattutto nella zona prospiciente alla zona abitata del Municipio – ha spiegato Raggi – Verranno conservati gli edifici storici e non i chioschi sorti negli anni, saranno privilegiati i corridoi e la visuale del mare, verrà abbattuto il lungomuro, saranno istituite fasce di rispetto intorno agli edifici storici anche sulla battigia”.

“C’è stato un lavoro di riordino di 71 concessioni fatto in maniera estremamente certosina – ha sottolineato Raggi – E il punto d’inizio di un percorso che consentirà finalmente una nuova prospettiva di Roma verso il mare e la libera fruizione delle spiagge. Abbiamo già iniziato questa estate con la restituzione ai cittadini delle prime spiagge libere. La scorsa settimana in Giunta una memoria contenente il Pua, che andrà in Aula il prima possibile e sempre nel minor tempo possibile avremo un piano definito che possa partire affinché Roma possa tornare ad affacciarsi sul mare in maniera pulita, legale e fruibile da tutti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here