Home Politica Il Presidente Gentiloni: ‘Centrosinistra sia largo e unito, stia insieme’

Il Presidente Gentiloni: ‘Centrosinistra sia largo e unito, stia insieme’

CONDIVIDI
ETTORE FERRARI

Il presidente del consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, è intervenuto per omaggiare il suo compagno di partito Walter Veltroni in seguito all’uscita del suo ultimo libro. E le suggestioni descritte da Veltroni hanno dato la stura a Gentiloni per fare delle riflessioni sul momento critico che sta attraversando il centro-sinistra:

“La sinistra deve aspirare a essere larga, a essere unita. Ho molto apprezzato lo sforzo che Walter Veltroni ha fatto in questi mesi a spingere il centrosinistra, che è quel qualcosa che va anche al di là della sinistra italiana, a stare insieme, uniti. Se pensiamo ai pericoli che ci circondano, li dobbiamo affrontare non contro qualcuno, ma insieme. Ci serve una sinistra consapevole, competente, capace di prendersi cura della società. E ci serve ora, naturalmente”.

“La sinistra non può abitare” questa epoca “comportandosi come un’elite senza terra e radici, cosmopolita, digitale, che però non ha radicamento in un’identità, in un territorio. Non lasciamo l’identità ad altri. L’identità deve essere un fondamento della sinistra. Questo nuovo mondo ha bisogno di democrazia, multilateralismo, identità vicine, ambientalismo, cultura. Sono i nostri valori, i valori sui quali le generazioni si sono formate nei decenni. Sono valori che si muovono, non stanno fermi. Non li possiamo contemplare e riscaldarci in un campo domestico. Dobbiamo fare anche cose scomode per portare i nostri valori in campo aperto”.

“La lettura politica” del nuovo libro di Walter Veltroni “è un messaggio contro il rifugiarsi nel passato. Il fondatore del Pd – con cui anni fa invitavamo la sinistra italiana ad andare oltre il ‘900 – continua a sconsigliare anche nel suo romanzo, l’idea di rivolgere lo sguardo all’indietro. Le nostre biografie, che in parte sono diverse ma poi si assomigliano parecchio, non possono essere rassicuranti coperte di Linus. Sarebbe comodo e rassicurante rifugiarci al caldo delle nostre biografie”.