Home Spettacolo e Gossip Molestie Sessuali, pubblicato il nome del famoso Regista Italiano

Molestie Sessuali, pubblicato il nome del famoso Regista Italiano

CONDIVIDI
(Screenshot)

Denunciare scandali e molestie sessuali ormai è diventata una lettura quotidiana. Dopo lo scandalo Weinstein, che ha sconvolto il dorato mondo di Hollywood, ora sembra il momento del cinema italiano ad essere sotto l’occhio del ciclone. Dopo le accuse fatte da Miriana Trevisan al regista premio Oscar Tornatore, ora è la volta di un altro regista famoso, Fausto Brizzi, passare sotto le forche caudine di alcune denuncie sessuali che avrebbero fatto nei suoi confronti. Da come riporta il Corriere della Sera, era dal 22 ottobre, quanndo andò in onda un servizio de Le Iene, che si vociferava chi fosse questo fantomatico personaggio dello spettacolo. E il nome sembra proprio essere quello di Brizzi.

Che sarebbe accusato dalle protagoniste di film e serie tv di averle molestate o violentate: “Ancora con questa storia?”, sbotta il suo avvocato Antonio Marino che già aveva dovuto smentire con una lettera a Dagospia che il suo assistito fosse in crisi con la moglie, l’attrice Claudia Zanella, proprio per le presunte molestie. In una lettera inviata agli organi di stampa dal suo avvocato, Antonio Marino, Brizzi afferma: “Ho appreso con grande sconcerto dagli articoli apparsi sulle pagine di alcuni quotidiani dell’esistenza di ipotetiche segnalazioni di molestie fatte da persone di cui non viene precisata l’identità. Posso solo affermare, con serenità e sin da ora, che mai e poi mai nella mia vita ho avuto rapporti non consenzienti o condivisi. Per questo, escludo categoricamente di aver conferito mandato legale per trattare il risarcimento del danno in favore di presunte vittime”.

Nel servizio andato in onda il 22 ottobre attrici come Tea Falco, Giovanna Rei, Giorgia Ferrero hanno confermato di essere state molestate o violentate “per lavorare”. E alcune di loro avrebbero raccontato di essere state vittime di Brizzi e starebbero valutando la possibilità di rivolgersi alla magistratura.