Home Altre News Max dei Fichi dʼIndia: “Volevo eliminare la pancia ora devo operarmi al...

Max dei Fichi dʼIndia: “Volevo eliminare la pancia ora devo operarmi al pene”

CONDIVIDI

Orribile disavventura per Max Cavallari, artista comico noto per aver fatto parte del duo dei Fichi D’India. Intervistato dalla trasmissione Domenica Live su Canale 5, Cavallari ha voluto raccontare la sua odissea con la chirurgia plastica, in quanto aveva deciso di effettuare, insieme alla moglie, una liposuzione all’addome, ma a quanto racconta lo stesso comico, tutto sembra essere andato per il verso storto: “Non è giusto che uno deve andare dal chirurgo plastico e poi deve ritrovarsi in depressione – racconta Max – Dopo l’operazione il medico mi faceva delle punture di notte nella clinica con l’acqua di Lourdes. Poi ho dovuto subire un nuovo intervento dove mi hanno fatto una puntura con un ferro, che me lo sogno ancora tutte le notti. Adesso ho paura, mi sono visto quasi morire e prendo la vita in un altro modo. Dopo queste cose capisci che la vita è bella”.

Anche la moglie Manuela ha raccontato il calvario post operatorio: “C’era qualcosa che non andava dopo l’intervento di liposuzione, Max non riusciva a camminare e a muoversi, aveva la febbre alta. Ma il medico che ci aveva in cura ci rispondeva che era tutto normale, finché lui non è stato veramente male con la febbre a 41 e siamo andati da un altro medico che l’ha dovuto incidere per fargli uscire tutto il pus creatosi. E’ stato terribile”, ha dichiarato la donna. “Quando abbiamo deciso di fare questa cosa in coppia io e lui eravamo felici. Max ora è stabile, stiamo facendo diverse consulenze ma ci sono altre operazioni da fare”.

Continua Max Cavallari: “Questo dottore deve fare attenzione a cosa dice mi ha operato al pene e ha sbagliato operazione, ora mi devono rioperare e mi devono tagliare tutto. Ho avuto dei problemi psicologici. Dopo essersi sottoposto a un intervento di addominoplastica e falloplastica il comico ha rischiato la vita: “Stavo andando in setticemia, ero pieno di sangue e pus, stavo morendo”. Accompagnato dalla moglie Manuela, Max racconta il suo calvario: “Ho passato 40 giorni a letto con la febbre altissima, venivano a bucarmi l’addome per far fuoriuscire il liquido e il sangue”.

“Lo abbiamo conosciuto a Sanremo – spiega Cavallari – e ci ha spiegato che faceva questo intervento col laser bisturi, si è presentato come il sarto del corpo, ci ha fatto vedere le foto dei vip e noi ci abbiamo creduto”. Poi Barbara D’Urso legge la risposta del medico: “L’intervento è pienamente riuscito, il signor Cavallari non si è mai sottoposto ai controlli e non ha seguito i comportamenti prescritti da adottare nella fase post operatoria”. Secca la risposta della coppia: “Non è vero, i danni che ci ha fatto sono visibili, noi siamo qui e chiunque può vederlo”.