Home Senza categoria Miriana Trevisan: “Tornatore mi spinse contro un muro con le mani sui...

Miriana Trevisan: “Tornatore mi spinse contro un muro con le mani sui seni”

CONDIVIDI

Miriana Trevisan salì agli onori delle cronache ormai più di 20 anni fa, quando, grazie a Gianni Boncompagni, diede vita, insieme ad altre adolescenti diventate poi famose, al programma di Italia Uno ‘Non è la Rai’. Dopo anni di alterne fortune televisive la Trevisan è tornata di nuovo su tutti i giornali a causa di alcune sue dichiarazioni riguardo un presunto approccio sessuale da parte del regista e premio Oscar, Giuseppe Tornatore. Quindi dopo le accuse di molestie sessuali al produttore Weinstein e all’attore premio Oscar Kevin Spacey, anche un italiano è finito sotto il ciclone delle accuse di violenza nei confronti di una donna. Ecco il racconto della Trevisan fatto al settimanale Vanity Fair:

“È una storia di vent’anni fa. Probabilmente lui neanche se ne ricorda. Ma io sì. E ricordo anche molto altro”.

“Vent’anni fa – racconta Trevisan – andai negli uffici di Tornatore. Era un appuntamento che mi aveva organizzato il mio agente. Non era un provino, ma un primo incontro in vista di un film in lavorazione, La leggenda del pianista sull’Oceano. C’era una segretaria che mi accolse ma poi se ne andò. Rimanemmo soli. Dopo qualche tranquilla chiacchiera sul film, quando ci stavamo salutando, il regista mi chiese di uscire con lui quella sera per andare a mangiare una pizza. Io risposi che avevo già un impegno, lo ringraziai e mi alzai per andarmene”.

Continua l’attrice: “Lui mi segui fino alla porta, mi appoggiò al muro e cominciò a baciarmi collo e orecchie, le mani sul seno, in modo abbastanza aggressivo. Riuscii a sfilarmi e scappai via. Ero entrata sentendomi una principessa, a un passo da un sogno che si realizzava, pensavo ‘forse farò un film con un regista premio Oscar’ e sono uscita sentendomi uno straccio”.